8-5_imortinonmuoiono.png

I morti non muoiono, Jim Jarmusch

di Jim Jarmusch, USA 2019, 103′, con Bill Murray, Adam Driver, Tilda Swinton, Chloë Sevigny, Steve Buscemi, Danny Glover

@ Villa Greppi via Montegrappa 21, Monticello Brianza, (Monza e Brianza) Lombardia, Italia

i morti non muoiono.jpg

L'abuso spropositato delle risorse del pianeta ha provocato la frattura della calotta polare e lo spostamento dell'asse terrestre, scambiando il giorno con la notte e risvegliando i morti dal riposo eterno. A Centerville, da qualche parte in Ohio, il mondo chiede il conto agli uomini, divorati nei diner, dentro i motel 'old school' alla Psyco, nei centri di detenzione, nelle fattorie, nelle stazioni di servizio. A difendere l'ordine e la cittadina ci sono soltanto Cliff Robertson, capo della polizia di Centerville, Ronnie Peterson, agente che sembra sapere tutto di zombie e di eradicazione dei morti-viventi, e Mindy Morrison, poliziotta fifona che vorrebbe tanto fuggire lontano. Attaccati alle loro fissazioni terrene (caffè, Chardonnay, telefonini, chitarre, antidepressivi...) e risoluti a divorare ogni essere vivente, gli zombie dovranno vedersela anche con Zelda Wiston, impresaria di pompe funebri e virtuosa della katana. Spade o fucili, le cose volgono al peggio, a meno di non essere di un altro mondo...

Premi

Il film ha aperto il festival di Cannes 2019

Lunedì 5 agosto 2019 ore 21:00
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65

Recensioni

mymovies.it.

Se Tom Waits, uomo dei boschi, è il solo autorizzato a osservare la catastrofe senza esserne travolto, Iggy Pop, già autentico morto vivente del punk (Gimme danger), si aggiudica la piena decomposizione della carne. Prima volta invece per Selena Gomez, che incarna una giovinezza che vorrebbe scampare l'apocalisse apparecchiata dalle generazioni precedenti. Su un pianeta dove tutto è fottuto, Jim Jarmusch esercita un'ironia irresistibile e rivela daccapo uno stile che si fa morale e visione del mondo.

Come la sua coppia di vampiri guarda l'umanità cadere e applica ai suoi zombie la vecchia ricetta della decollazione dopo averli risvegliati nella maniera più classica, grattando la terra fino a emergere una mano. Jarmusch dichiara subito il partito preso della tradizione in un dialogo tra Bill Murray e Adam Driver che hanno appena scoperto due cadaveri mutilati. "A cosa pensi?", domanda il primo. "Penso agli zombie", risponde convinto il secondo. Oltre a donare il tono del film, ironico e imperturbabile, questo scambio di battute assomiglia a una dichiarazione d'intenzione. Cosciente di partecipare al (gran) ritorno dei morti viventi sul grande e sul piccolo schermo, l'autore rinvia lo spettatore alle sue abitudini per poi spiazzarlo.

 

filmtv.press. Le immagini e le parole mettono in bolla il mondo (letteralmente), ma lo racchiudono in una dimensione dove il senso non ha scampo. La vita in morte è ripetizione della vita precedente, gli zombie cercano il wi-fi, entrano in un diner reclamando caffè, invocano Chardonnay, e chi è in vita non può che accettare la fine inevitabile, il copione per l’appunto già letto di un film che appartiene a un genere in cui di norma tutti muoiono tranne i morti, e che a forza di ripetere modelli romeriani si è trasformato anch’esso in una forma non più vivente, ripetuta e ripetitiva. I morti non muoiono è in superficie un film di zombie, ma essendo un film di Jarmusch è soprattutto un film di pensieri. Ricorda L’uomo che non c’era dei Coen, che era fondato sul principio d’indeterminazione di Heisenberg e sulla sparizione del reale di fronte all’occhio di chi guarda. I Coen osservavano oggetti, capelli che si alzavano prima di cadere, linee che giravano, dischi che volavano; Jarmusch fa lo stesso con le parole (ripetute, svuotate, ovvie) e il loro tentativo di ristabilire un equilibrio, una determinazione. Fra scritto e non scritto; fra un finale noto e uno sospeso; tra la monotonia di Bill Murray e il sentimento che gli zombie sanno ancora suscitare; tra la centralità dell’orrore contemporaneo (il fracking selvaggio, il razzismo dei suprematisti bianchi) e la marginalità dei dropout. Lo stupore dei Coen travalica nell’ironia rassegnata di Jarmusch, a cui manca però la dolcezza di Solo gli amanti sopravvivono, sostituita da un’elegia dell’universo hipster che sa tanto di messa in salvo sua e dei suoi amici (Murray, Adam Driver, Tilda Swinton, Tom Waits, Iggy Pop, Chloë Sevigny, Steve Buscemi, Selena Gomez…) da un’America che oggi più che mai potrebbe trasformarsi nella vera terra dei morti.

Rassegna: Rapsodia d'Agosto - Cinema in Villa

RAPSODIA SITO.png

Presso Scuderie di Villa Greppi - Via Monte Grappa 21, Monticello Brianza (LC)
Dal 29 luglio al 26 agosto 2019 - il lunedì e il giovedì.

 

IMPIANTO DI PROIEZIONE DIGITALE

 

Biglietti: intero € 6,00 ridotto € 4,00 (under 12 e over 65)
Inizio proiezioni ore 21.00

In caso di pioggia la proiezione verrà annullata.
 

Per informazioni, schede e trailers dei film:

> Consorzio Villa Greppi tel 039 9207160 - www.villagreppi.it
> Bloom 039 623853 – 334 324 6908 www.bloomnet.org

 

FESTEGGIAMO I 10 ANNI DELLA RASSEGNA

Lunedì 29 luglio alle 21,00 inaugurazione con

SPIRABILIA QUINTET

Il quintetto eseguirà alcuni brani tratti da film.
Giulia Perego (Flauto ed ottavino), Lorenzo Alessandrini (Oboe e corno inglese), Mauro Mosca (Clarinetto), Aldo Spreafico (Corno), Angelo russo (Fagotto).

Gli altri eventi