Se
solo
fossi
un
Orso

Se solo fossi un Orso, Zoljargal Purevdash

Se solo fossi un Orso

di Zoljargal Purevdash, Mongolia, Francia, Svizzera, Qatar, 2023, 96
con Battsooj Uurtsaikh, Nominjiguur Tsend, Tuguldur Batsaikhan, Batmandakh Batchuluun

Se solo fossi un Orso, Zoljargal Purevdash

Trama

Ulzii, un adolescente dei sobborghi poveri di Ulan Bator, è determinato a vincere un concorso di fisica per una borsa di studio. La madre, analfabeta, ha trovato un lavoro altrove, abbandonando lui, il fratello e la sorella in pieno inverno. Ulzii vaga di notte alla ricerca di oggetti da bruciare per riscaldarsi, mentre si prepara per la competizione nazionale.

Regia

Zoljargal Purevdash

Cast

Battsooj Uurtsaikh, Nominjiguur Tsend, Tuguldur Batsaikhan, Batmandakh Batchuluun

Durata

96′

Paese di produzione

Mongolia, Francia, Svizzera, Qatar

Anno di produzione

2023

Premi

Presentato al Festival di Cannes, Un Certain Regard;

Calendario

giovedì 4 aprile 2024
h: 17:30
7,00 € / Intero
5,00 € / Ridotto over 65 e Soci Bloom
4,00 € / Ridotto Under 26
sabato 6 aprile 2024
h: 19:00
versione originale sottotitolata
7,00 € / Intero
5,00 € / Ridotto over 65 e Soci Bloom
4,00 € / Ridotto Under 26
domenica 7 aprile 2024
h: 20:30
7,00 € / Intero
5,00 € / Ridotto over 65 e Soci Bloom
4,00 € / Ridotto Under 26
martedì 9 aprile 2024
h: 21:30
7,00 € / Intero
5,00 € / Ridotto over 65 e Soci Bloom
4,00 € / Ridotto Under 26
mercoledì 10 aprile 2024
h: 17:30
7,00 € / Intero
5,00 € / Ridotto over 65 e Soci Bloom
4,00 € / Ridotto Under 26

Recensioni

LA PAROLA ALLA REGISTA Zoljargal Purevdash

Ulan Bator è la capitale più inquinata al mondo perché più del 60% dei cittadini vive nel distretto Iurte dove non ci sono riscaldamenti e infrastrutture, devono quindi bruciare carbone per sopravvivere al brutale inverno a -35°C. (...) Volevo quindi fare un film su un adolescente che vive nel quartiere della Yurta e ha un sogno luminoso sul futuro ma è fortemente influenzato dal rapporto con la sua famiglia e dalle sue condizioni sociali. Volevo che la mia gente capisse, sentisse e abbracciasse ogni lotta e gioia reciproca
attraverso questo film. Quindi la maggior parte della mia sceneggiatura nasce dal

desiderio di essere capiti, o di lasciare comprendere il dolore di qualcuno. (tratta dal pressbook del film)

 

Sentieri Selvaggi - Dove Se solo fossi un orso eccelle è proprio in questo processo di abbattimento continuo dei confini tra età adulta e fanciullezza, di cui i sobborghi della capitale mongola si fanno specchio e catalizzatori unici. Qui la debuttante Purevdash mostra infatti una grande capacità nel legare le disparità socio-culturali della realtà in cui si muove Ulzii all’accelerazione del suo percorso di crescita, come se il ragazzo, davanti alle crisi del presente, non potesse che cercare di equipararsi ad un adulto: assumendo di conseguenza atteggiamenti, schemi di pensieri e, per estensione, responsabilità così anormalmente “mature” da sfumare il significato stesso del suo essere-adolescente.

 

Quinlan.it - Tutto il film si gioca sull’ulteriore rapporto tra degrado ambientale e necessità di sopravvivenza, necessità di un combustibile, in un territorio estremamente freddo. Il respiro affannoso di Ulzii si associa, con montaggio analogico, alla visione del paesaggio, coperto da una coltre fittissima di smog. (...) Pochi personaggi del film si salvano, tra cui ovviamente Ulzii con quella sua grande energia e la capacità di fronteggiare con un sorriso ogni avversità. Se solo fossi un orso tratteggia un mondo in crisi dove le soluzioni cercate sembrano false soluzioni, dove tanti sforzi vengono fatti inutilmente con tanto spreco di energie, dove non si trova il modo di conciliare le ragioni del benessere sociale e quelle dell’ambiente.

 

Mymovies.it - la battuta del titolo originale "If I Only Could Hibernate", con tutta la sua significatività legata al desiderio di un'uscita seppur temporanea dal vivere sociale, non viene affidata al protagonista ma a un fratello minore già in fondo consapevole non solo del rigore del clima ma soprattutto di quello di un mondo che non sa guardare agli ultimi se non con sussidi che non aiutano a trasformare radicalmente la loro condizione. Potrebbero riuscirci le doti di chi ama lo studio e affronta con passione un mondo complesso come quello della Fisica.
Lo sguardo in macchina che Uzii riserva allo spettatore a un certo punto del film interroga i responsabili politici della Mongolia ma, fatte le dovute proporzioni e considerate le differenze, va oltre i confini nazionali per estendersi a tutte le società in cui di fatto gli ostacoli frapposti a chi avrebbe le carte in regola per emergere non sono trascurabili.

Prossimamente

  • Nessun Posto al Mondo, Vanina Lappa
    Nessun Posto al Mondo, Vanina Lappa
    giovedì 16 maggio 2024
  • •Quarto Sabba• | Electric Valley Fest w/ Cancervo + Wizard Master + Chains  & la proiezione di Suspiria
    •Quarto Sabba• | Electric Valley Fest w/ Cancervo + Wizard Master + Chains & la proiezione di Suspiria
    venerdì 26 aprile 2024
  • Una Bella Amaca, Carlo Valtellina
    Una Bella Amaca, Carlo Valtellina
    giovedì 2 maggio 2024
follow
us
bloom map
via Curiel, 39
20883 Mezzago (MB)
tel 039 623853
fax 039 6022742

Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate
Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate

© 2024 Cooperativa Sociale il Visconte di Mezzago - Cookie Policy
P.IVA 00920870961 - CF 08689650151