Holy
Spider

Holy Spider, Ali Abbasi

Holy Spider

di Ali Abbasi, Francia, Germania, Svezia, Danimarca, 2022, 117
con Mehdi Bajestani, Zahra Amir Ebrahimi, Arash Ashtiani, Forouzan Jamshidnejad

Holy Spider, Ali Abbasi

Trama

Iran, 2001. Raihimi, una giornalista di base a Teheran, si sposta nella città santa di Mashhad per indagare su un serial killer che uccide le prostitute convinto di liberare le strade dai peccatori per conto di Dio.
Nonostante il numero delle vittime continui ad aumentare, le autorità locali non sembrano
aver fretta di risolvere il caso e Raihimi si renderà presto conto che potrà contare solo sulle proprie forze.
Il film è basato sulla storia vera dello “Spider Killer” Saeed Hanaei che ha ucciso 16 donne tra il 2000 e il 2001.

Regia

Ali Abbasi

Cast

Mehdi Bajestani, Zahra Amir Ebrahimi, Arash Ashtiani, Forouzan Jamshidnejad

Durata

117′

Paese di produzione

Francia, Germania, Svezia, Danimarca

Anno di produzione

2022

Premi

Migliore Attrice al Festival di Cannes


Info

Prenotazione consigliata: PRENOTA

Proiezione presso scuderie di Villa Greppi, via Montegrappa 21 Monticello Brianza LC.

Calendario

Le proiezioni si terranno presso: Villa Greppi, via Montegrappa 21, Monticello Brianza
giovedì 24 agosto 2023
h: 21:00
3,50 € / Ingresso unico Cinema Revolution

Recensioni

NOTE DI REGIA
HOLY SPIDER è un film sull’ascesa e sulla caduta di uno dei più noti serial killer dell’Iran:
Saeed Hanaei.
In senso più ampio, il film è una critica alla società iraniana perché il killer è un uomo molto
religioso e un cittadino molto rispettato.
Vivevo ancora in Iran all’inizio degli anni 2000, nei giorni in cui Saeed Hanaei uccideva le
prostitute di strada nella città santa di Mashhad. Era riuscito ad uccidere 16 donne prima di essere arrestato e processato e la storia catturò davvero la mia attenzione durante il suo processo. In un mondo normale non ci sarebbero dubbi che un uomo che ha ucciso 16 persone venga visto come colpevole. Ma qui in Iran era diverso: una parte del pubblico e dei media conservatori iniziò a celebrare Hanaei come un eroe. Sostenevano l’idea che Hanaei avesse semplicemente voluto adempiere al suo dovere di persona religiosa ripulendo le strade della città con l’uccisione di queste donne impure. Fu allora che mi venne l’idea di realizzare questo film.

 

MyMovies - Abbasi omaggia questo aspetto di auto-evidenza della storia, spogliando la mitologia cinematografica del serial killer di ogni mistero: il suo Saeed è protagonista del film da subito, tanto quanto l'eroina Rahimi che gli dà la caccia, e prima che i rispettivi sentieri entrino in rotta di collisione c'è tutto il tempo di sviscerare la figura di un uomo tormentato dai traumi della guerra, insoddisfatto della direzione della sua vita, e carismatico nel guadagnarsi l'approvazione della moglie e del figlio prima ancora che degli altri cittadini di Mashhad, pronti a scagliarsi contro il basso valore morale e il cattivo esempio delle prostitute uccise.

 

Nocturno.it - Il film di Abbasi, si ispira a un fatto realmente accaduto, la storia del serial killer Saeed Hanaei (1962-2002), che tra il 2000 e il 2001 uccise 16 prostitute soffocandole a morte, con la missione di liberare le strade di Mashad dalla corruzione del sesso, accusando le donne di essere portatrici di un “virus” letale, insidioso e sporco, capace di portare alla perdizione i maschi del luogo e di rovinare le loro sacre famiglie. Abbasi, al suo terzo lungometraggio, dopo aver giocato con i generi con Shelley (2016) e Border (2018), affronta la tematica del femminicidio e della cultura machista islamica senza fronzoli e giri di parole, trasformando una trama convenzionale in un momento di riflessione unico, che colpisce dritto allo stomaco.

 

FilmTv - Holy Spider è un film da non perdere. Esce nelle sale mentre in Iran è in atto una “rivoluzione minore” (perché dal basso, non per portata simbolica) scatenata da ragazzi e ragazze, studenti e studentesse, dopo il brutale pestaggio e la successiva morte di Mahsa Amini, una donna accusata dalla polizia morale di non indossare correttamente l’hijab. Ali Abbasi, regista e sceneggiatore (con Afshin Kamran Bahrami), vive da 20 anni a Copenaghen, è riuscito a produrre il film grazie a capitali europei, l’ha girato in Giordania perché nel suo paese d’origine avrebbe rischiato troppo, ma Holy Spider fa comunque parte della tradizione cinematografica iraniana, tra le migliori del mondo per qualità e quantità (i programmatori dei festival hanno ogni anno a che fare con centinaia di lunghi e corti provenienti da Teheran).

Prossimamente

  • •Quarto Sabba• | Electric Valley Fest w/ Cancervo + Wizard Master + Chains  & la proiezione di Suspiria
    •Quarto Sabba• | Electric Valley Fest w/ Cancervo + Wizard Master + Chains & la proiezione di Suspiria
    venerdì 26 aprile 2024
  • Una Bella Amaca, Carlo Valtellina
    Una Bella Amaca, Carlo Valtellina
    giovedì 2 maggio 2024
  • PainKillers - "In sospeso " Release Party + DAE
    PainKillers - "In sospeso " Release Party + DAE
    venerdì 17 maggio 2024
follow
us
bloom map
via Curiel, 39
20883 Mezzago (MB)
tel 039 623853
fax 039 6022742

Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate
Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate

© 2024 Cooperativa Sociale il Visconte di Mezzago - Cookie Policy
P.IVA 00920870961 - CF 08689650151