Preparativi
per
stare
insieme
per
un
periodo
indefinito
di
tempo

  • Home
  • Calendario
  • Preparativi per stare insieme per un periodo indefinito di tempo
Preparativi per stare insieme per un periodo indefinito di tempo, Lili Horváth

Preparativi per stare insieme per un periodo indefinito di tempo

di Lili Horváth, Ungheria, 2020, 95
con Natasa Stork, Viktor Bodó, Benett Vilmányi, Zsolt Nagy, Péter Tóth

Preparativi per stare insieme per un periodo indefinito di tempo, Lili Horváth

Trama

Marta, neurochirurga di 40 anni, si innamora perdutamente. Decide di lasciare una promettente carriera da chirurga negli Stati Uniti e di trasferirsi a Budapest per iniziare una nuova vita con l’uomo che ama. Ma all’appuntamento che hanno preso, lui non si presenta. Marta inizia disperatamente a cercarlo e quando finalmente lo trova, l’uomo le dice che non si sono mai visti prima...

Regia

Lili Horváth

Cast

Natasa Stork, Viktor Bodó, Benett Vilmányi, Zsolt Nagy, Péter Tóth

Durata

95′

Paese di produzione

Ungheria

Anno di produzione

2020

Premi

Presentato alle Giornate degli Autori del Festival di Venezia.


Info

Il film è solo in versione originale con sottotitoli.

 

Giovedì 6 aprile dalle 19:00 GioveDinner: Cena con degustazione Birra Via Emilia del birrificio del Ducato (Parma) e Chouffe Blondie
Info e prenotazioni QUI

Calendario

mercoledì 5 aprile 2023
h: 17:30
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65
giovedì 6 aprile 2023
h: 17:30
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65
sabato 8 aprile 2023
h: 19:00
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65
domenica 9 aprile 2023
h: 20:30
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65
martedì 11 aprile 2023
h: 21:30
7,00 € / Intero
5,00 € / Ridotto over 65 e Soci Bloom
4,00 € / Ridotto Under 26
mercoledì 12 aprile 2023
h: 21:00
7,00 € / Intero
5,00 € / Ridotto over 65 e Soci Bloom
4,00 € / Ridotto Under 26

Recensioni

LA PAROLA ALLA REGISTA

Una donna, travolta dall’amore, si trasferisce lontano per iniziare una nuova vita. Al suo arrivo, l’uomo reagisce inaspettatamente, “Non ti conosco. Questa è la prima volta nella mia vita che ti vedo”. È un momento da brividi: non sappiamo se a dire la verità sia lui o lei. Quando ho pensato a questa scena, non sapevo ancora chi fossero i miei personaggi, ma da qui è iniziata a costruirsi l’idea del film. Ho custodito con me questo germoglio di scena a lungo temo, quando un giorno, improvvisamente – ero su un bus a Berlino - l'idea ha iniziato a costruirsi. Due medici sulla quarantina, la donna viene da un altro continente e ha sacrificato tutto per l’uomo che ama. Da lì ho capito: nel mio film volevo raccontare il ruolo decisivo che ha la nostra immaginazione quando ci innamoriamo di qualcuno. (Lili Horvat)

 

Mymovies.it - La Horváth si interroga (e ci interroga) sulla solitudine affettiva che può trasformarsi in una gabbia di cui la fantasia ossessiva può possedere le chiavi. Lo spettatore scoprirà solo alla fine quale sia la verità e come in fondo la sua sceneggiatura finisca con lo stare dalla parte di Marta. Nel frattempo avrà anche conosciuto, in sottotesto, il sistema medico ospedaliero ungherese con le sue luci ma anche con le sue ombre.

 

Cineforum.it - Lili Horvát non ha solo una grande sensibilità, ma anche mezzi tecnici notevoli. La sua regia non è mai banale, anche quando si limita a stare addosso alla misteriosa protagonista (Natasa Stork, magnetica, straordinaria personalità) cercando una risposta dentro i suoi occhi azzurrissimi, limpidi, per poi costruire intorno a lei un teorema di riflessi e trasparenze, di apparizioni e metamorfosi, in cui il suo punto di vista finisce spesso per essere deviato o messo in discussione. János, l'uomo di cui si è innamorata, è spesso in bilico tra il campo e il fuoricampo, entra ed esce dallo spazio visivo, diventa reale proprio quando siamo convinti che sia solo un sogno, per poi ritornare nel vuoto in cui Márta rischia di precipitare.

 

Sentieri Selvaggi - Questo è il cuore della riflessione di Lili Horváth: piuttosto che fare i conti con la realtà preferiamo recitare una drammatica finzione. Come in una commedia di Pirandello è molto più difficile accettare che il proprio amore si sia rivelato un’enorme delusione piuttosto che inscenarsi malati e incapaci di distinguere la realtà dall’immaginazione.
A questa azzeccata dinamica meta-cinematografica la cineasta associa una nostalgica e onirica grana della pellicola ma anche una notevole sceneggiatura, che si sviluppa attraverso un gioco delle parti in cui  i “vuoti” lasciati dall’amore mancato di Marta cercano di essere colmati da un intraprendente giovane studente di medicina. Tenera e umanissima radiografia sugli effetti della solitudine sentimentale, il film presentato alla 77° Mostra del Cinema di Venezia e dall’Ungheria per gli Oscar del 2021, arriva a distanza di due anni nelle sale italiane.

Prossimamente

  • I Dannati, Roberto Minervini
    I Dannati, Roberto Minervini
    Da giovedì 30 maggio 2024 a mercoledì 5 giugno 2024
  • Bloom Garten w/ Bar & Premiata Pizzeria
    Bloom Garten w/ Bar & Premiata Pizzeria
    Da venerdì 7 giugno 2024 a domenica 8 settembre 2024
  • Challengers, Luca Guadagnino
    Challengers, Luca Guadagnino
    Da giovedì 23 maggio 2024 a mercoledì 29 maggio 2024
follow
us
bloom map
via Curiel, 39
20883 Mezzago (MB)
tel 039 623853
fax 039 6022742

Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate
Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate

© 2024 Cooperativa Sociale il Visconte di Mezzago - Cookie Policy
P.IVA 00920870961 - CF 08689650151