Gigi
la
Legge

Gigi la Legge, Alessandro Comodin

Gigi la Legge

di Alessandro Comodin, Italia, 2022, 102
con Pierluigi Mecchia, Ester Vergolini, Annalisa Ferrari, Tomaso Cecotto, Massimo Piazza

Gigi la Legge

Trama

Gigi fa il vigile in un paese di campagna dove sembra non succedere mai niente.
Un giorno, però, una ragazza si suicida, gettandosi sotto un treno.
Non è la prima volta.

Lì comincia un’indagine su questa misteriosa serie di suicidi che si consuma in uno strano mondo di provincia in bilico tra realtà e fantasia, dove un giardino può anche essere una giungla e un poliziotto avere un cuore sempre pronto ad innamorarsi e a sorridere.

 

 Domenica 12 sarà ospite in sala  il protagonista Gigi,  Pierluigi Mecchia

 

Regia

Alessandro Comodin

Cast

Pierluigi Mecchia, Ester Vergolini, Annalisa Ferrari, Tomaso Cecotto, Massimo Piazza

Genere

documentario

Paese di produzione

Italia

Anno di produzione

2022

Durata

102′

Premi

Premio speciale della giuria Festival di Locarno 2022; presentato fuori concorso al Trieste Film Festival 2023.


Info

Domenica 12 FEBBRAIO ospite in sala il protagonista Gigi, Pier Luigi Mecchia.

Calendario

domenica 12 febbraio 2023
h: 18:15
Ospite in sala il protagonista
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65
mercoledì 1 marzo 2023
h: 18:00
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65
mercoledì 22 marzo 2023
h: 21:00
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65

Recensioni

Quinlan - Con Gigi la legge, in concorso al 75° Locarno Film Festival, il filmmaker torna anche a focalizzarsi su un personaggio, già nel titolo del film: si tratta di Gigi, vigile urbano in quella piccola comunità, nella realtà lo zio stesso del regista. (...) Ancora una volta Comodin racconta una storia d’amore tenera e pura che qui si sviluppa al radiomicrofono della pattuglia. Fa parte di quella magia delle piccole cose, del quotidiano presente nella poetica del regista. Il mistero a volte sembra inserirsi nelle pieghe di quella vita tranquilla.

 

Mymovies - Comodin eccelle nel diluire il singolo momento fino a farlo divenire straniante. Qui gli bastano le poche suggestioni fuori dall'ordinario del rapporto del protagonista con la natura per infondere un'atmosfera surreale nel resto della sua esistenza, e in qualche modo far maturare uno sviluppo che arriverà soltanto alla fine, con un ultimo viaggio nell'auto di pattuglia e una sorprendente quanto sommessa conversazione su una panchina.

 

Cineuropa - Attraverso un’osservazione minuziosa ed empatica, Comodin riesce a trasformare la realtà che l’ha attorniato da ragazzino, e che Gigi incarna alla perfezione, in tragica poesia. Il suicidio sotto un treno diventa allora metafora di una noia ormai trasformatasi in (comoda) immobilità. Sebbene, come la ragazza ritrovata sui binari, Gigi si consoli e si compiaccia in un romanticismo d’altri tempi, il treno della vita, l’aprire gli occhi su un mondo ben più cupo di quello che vuole vedere, potrebbe improvvisamente travolgerlo. La scena finale su una panchina di un ospedale psichiatrico in cui, per la prima volta, il vigile ci rivela qualcosa della sua interiorità, è in questo senso potente ed emotivamente toccante.

Prossimamente

  • Geno Tribute²
    Geno Tribute²
    sabato 23 novembre 2024
  • La zona d'interesse, Jonathan Glazer
    La zona d'interesse, Jonathan Glazer
    giovedì 8 agosto 2024
  • Gloria!, Margherita Vicario
    Gloria!, Margherita Vicario
    giovedì 15 agosto 2024
follow
us
bloom map
via Curiel, 39
20883 Mezzago (MB)
tel 039 623853
fax 039 6022742

Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate
Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate

© 2024 Cooperativa Sociale il Visconte di Mezzago - Cookie Policy
P.IVA 00920870961 - CF 08689650151