Virgin
 
Mountain
 

Virgin Mountain, Dagur Kàri

Virgin Mountain

di Dagur Kàri, Islanda/Danimarca, 94
con Gunnar Jonsson, Ilmur Kristjánsdóttir, Sigurjón Kjartansson, Franziska Una Dagsdóttir, Margrét Helga Jóhannsdóttir

Virgin Mountain, Dagur Kàri

Trama

Fúsi è un quarantenne che deve ancora trovare il coraggio di entrare nel mondo degli adulti. Corpulento e introverso conduce una vita monotona e dominata dalla routine, ma nel momento in cui una donna vivace e problematica ed una bambina di otto anni entrano inaspettatamente nella sua vita, Fúsi sarà costretto ad affrontare per la prima volta un grande cambiamento. Un racconto intimo e delicato, che affronta una tematica difficile, la paura dei più fragili di aprirsi al mondo.

 

 

Regia

Dagur Kàri

Cast

Gunnar Jonsson, Ilmur Kristjánsdóttir, Sigurjón Kjartansson, Franziska Una Dagsdóttir, Margrét Helga Jóhannsdóttir

Durata

94′

Paese di produzione

Islanda/Danimarca

Premi

- PRESENTATO AL 65. FESTIVAL DI BERLINO (2015) NELLA SEZIONE 'BERLINALE SPECIAL'. - Premio della Giuria al Tribeca Film Festival

Calendario
 

venerdì 2 febbraio 2018
h: 20:45
Serata speciale gli operatori del CPS - Centro Psicosociale ASL Merate

Recensioni
 

"Una fiaba piena di fiducia nell'umanità, che forse ai più scafati sembrerà troppo tenera e buonista. A torto, però, perché 'Virgin Mountain' non ignora l'esistenza della crudeltà e tempera il tutto con la giusta dose di humour." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 6 aprile 2017)

"Chi ha visto 'Nói albinói' (2003) ancora se lo ricorda, e l'islandese Dagur Kári è tornato alla grande con questo 'Virgin Mountain'. Chi sia la montagna vergine è ovvio, meno le sfumature psicologiche, la costruzione simbolica del quadro e le pagine da romanzo di non-formazione che Kári ci regala: non è un film clamoroso, ma ha il calore e il nitore delle cose care." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 30 marzo 2017)

 

Mymovies.it. Ci voleva un film che arriva dalla periferica Islanda per ricordarci che si può fare un cinema intimistico (nell'accezione più positiva del termine) senza per questo dover annoiare lo spettatore con silenzi chilometrici o solipsistici intellettualismi che aspirerebbero alla dignità della cinefilia senza riuscirvi.
Dagur Kári, grazie anche alla straordinaria prestazione di Gunnar Jonsson, riesce a portare sullo schermo un corpo ingombrante che nasconde o, meglio, protegge un animo gentile che non ha ancora trovato la forza per liberarsi dalle catene di una soggezione filiale ormai soffocante.

 

Cineforum.it.  Virgin Mountain è un po’ il “bignami” del cinema nordico degli ultimi anni, quello che è diventato quasi un genere, che abbiamo imparato a conoscere nei festival, che ci ha affascinato per i paesaggi, le luci, l’ironia amara, i personaggi sempre in crisi esistenziale, lo spirito un po’ surreale e le performance d’attore. E Virgin Mountain è un po’ tutto questo. Esempio limpido di questa koiné visiva e narrativa, il film ha dalla sua che, in fondo, è proprio un film sull’essere chi si è. E dunque ci sta anche la sua perfetta corrispondenza a un modo di fare cinema che ha un’identità precisa (o forse si potrebbe dire a una formula rodata).

Prossimamente
 

  • Painkillers + Crushed Cans + Simone Piva
    Painkillers + Crushed Cans + Simone Piva
    sabato 25 marzo 2023
  • Inaugurazione dell'esposizione personale di Carlo Zulian
    Inaugurazione dell'esposizione personale di Carlo Zulian
    domenica 29 gennaio 2023
  • Laboratorio di Musicalità secondo la Music Learning Theory
    Laboratorio di Musicalità secondo la Music Learning Theory
    domenica 29 gennaio 2023
follow
 
us
 
bloom map
via Curiel, 39
20883 Mezzago (MB)
tel 039 623853
fax 039 6022742

Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate
Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate

© 2023 Cooperativa Sociale il Visconte di Mezzago - Cookie Policy
P.IVA 00920870961 - CF 08689650151