UTAMA.png

Utama - Le Terre Dimenticate, Alejandro Loayza-Grisi

di Alejandro Loayza-Grisi, Bolivia, Uruguay, Francia 2022, 87′, con José Calcina, Luisa Quispe, Candelaria Quispe, Placide Ali, Félix Ticona

utama.jpg

UTAMA, nella lingua quechua:la nostra casa.

UTAMA – Le terre dimenticate. Il tempo sembra scorrere lentamente nella lontana terra incrinata e arida dell’Altiplano boliviano, dove un’anziana coppia quechua, Virginio e Sisa, porta avanti un’umile routine. Quando il nipote Clever si presenta alla loro porta, Virginio si accorge subito che è lì solo per convincerli a trasferirsi in città. Il fatto che la siccità li abbia lasciati senz’acqua non aiuta la loro causa a restare.

Il respiro pesante di Virginio tradisce la sua capacità di nascondere ciò che lo affligge e l’apparizione di un condor inizia a destare in lui uno strano presagio. Improvvisamente lo scorrere del tempo diventa più che mai prezioso e pone la coppia davanti a un dilemma: resistere nell’attesa delle piogge o seguire le orme di altri quechua e lasciare la loro casa per la città?

Giovedì 10 novembre al termine del film ne parliamo con Alfredo Somoza , giornalista.

Domenica 13 possibilità di cenare con L'EUROPA NEL PIATTO € 20,00 inclusa una consumazione. Menu e prenotazioni QUI

Premi

VINCITORE DEL GRAN PREMIO DELLA GIURIA | SUNDANCE FILM FESTIVAL 2022

Giovedì 10 novembre 2022 ore 20:30
Versione Originale sottotitolata
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Sabato 12 novembre 2022 ore 19:00
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Domenica 13 novembre 2022 ore 21:00
Martedì 15 novembre 2022 ore 21:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Mercoledì 16 novembre 2022 ore 21:00
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Giovedì 17 novembre 2022 ore 18:00
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65

Recensioni

Duels.it - Prima ancora di mettere in scena un mondo lontano come l’altipiano boliviano inquadrato in tutta la sua maestosità e asprezza, Utama è un film che illumina un modo di stare al mondo, di concepire l’esistenza. Tra una presenza temuta e un’assenza invocata, i suoi personaggi, Virginio e Sisa, sono figure in cammino che hanno scelto di vivere così, distanti da altri e da altro, vicini alle proprie radici, immersi nella semplicità dei loro riti domestici, a stretto contatto con la propria terra, in armonia con la sacralità della natura e dei suoi tempi.

 

Sentieri Selvaggi - Il film è accompagnato da due agonie: quella della terra dove i pastori hanno vissuto per millenni e che ora è massacrata dalla siccità; quella di Virginio la cui salute sta peggiorando di giorno in giorno. Insieme alla terra e agli uomini collassa anche tutta la struttura sociale di quel territorio rompendo definitivamente quel tipo di heimat che per Virginio è come un aspetto sacro della vita e della natura.

Futuro random

X4.png
BANNER PNG.png
286781810_5418485354880502_8096155468742289195_n.jpg
VOIVOD BANNER.png