Moschettieri
 
del
 
Re
 
-
 
La
 
penultima
 
missione
 

Moschettieri del Re - La penultima missione, Giovanni Veronesi

Moschettieri del Re - La penultima missione

di Giovanni Veronesi, Italia, 2018, 109
con Pierfrancesco Favino, Valerio Mastandrea, Sergio Rubini, Rocco Papaleo, Margherita Buy

Moschettieri del Re - La penultima missione, Giovanni Veronesi

Trama

1650 (o suppergiù). Dopo trent'anni di onorata attività al servizio della casa reale i quattro moschettieri hanno abbandonato il moschetto e sono invecchiati: D'Artagnan fa il maialaro e ha il gomito dello spadaccino, più un ginocchio fesso; Athos si diletta con incontri erotici bisex ma ha un braccio arrugginito e un alluce valgo; Aramis fa l'abate in un monastero e non tocca più le armi; e Porthos, dimagrito e depresso (ma lui precisa: "Triste e infelice"), è schiavo dell'oppio e del vino. Ciò nonostante quando la regina Anna d'Austria, che governa una Francia devastata dalle guerre di religione al posto del dissennato figlio Luigi XIV, li convoca per affidare loro un'ultima missione, i moschettieri risalgono a cavallo, di nuovo tutti per uno, e uno per tutti.

Regia

Giovanni Veronesi

Cast

Pierfrancesco Favino, Valerio Mastandrea, Sergio Rubini, Rocco Papaleo, Margherita Buy

Durata

109′

Paese di produzione

Italia

Anno di produzione

2018

Premi

Il film ha ottenuto 4 candidature ai Nastri d'Argento e 1 candidatura a David di Donatello

Calendario
 

giovedì 15 agosto 2019
h: 21:15
EVENTO: dj set e anguria per tutti. Ingresso unico € 3,00.
3,00 € / Ingresso unico

Recensioni
 

filmtv.press. Vero che Veronesi firmò, da sceneggiatore e regista, Il mio West con Leonardo Pieraccioni, ma il mito dei tre moschettieri (più uno), così abusato dal cinema e così apparentemente lontano dai gusti delle nuove generazioni, era ancora più difficile da rielaborare. Moschettieri del re dimostra che se il cinema italiano popolare di oggi fa più fatica di quello di ieri (il riferimento a L’armata Brancaleone lo fa lo stesso Veronesi) non è perché mancano gli attori. Qui funzionano tutti, dai moschettieri, ognuno con i suoi tempi (comici), agli altri, in particolare la cortigiana Matilde Gioli e il servo muto Lele Vannoli. Gli intoppi sono più che altro di regia, non sempre perfettamente al servizio delle schermaglie (fisiche e verbali). Eccessivo l’utilizzo dei droni per riprese aeree che vorrebbero dare epicità a luoghi e cavalcate e sono invece, dopo un po’, ripetitive e stucchevoli. Ci si diverte però; alcune figure secondarie sono particolarmente azzeccate (penso a Luis Molteni in versione Q, l’immaginario è quello bondiano) e funziona il miscuglio di idiomi, con Favino a parlare come Amanda Lear incrociata a Boškov, in un argot inventato e azzeccato.

Prossimamente
 

  • Giocare non è (solo) un gioco
    Giocare non è (solo) un gioco
    domenica 12 febbraio 2023
  • To Lose La Track Party - 18 anni di etichetta
    To Lose La Track Party - 18 anni di etichetta
    sabato 11 marzo 2023
  • Dead Visions + Casual Tox + Penz
    Dead Visions + Casual Tox + Penz
    sabato 11 febbraio 2023
follow
 
us
 
bloom map
via Curiel, 39
20883 Mezzago (MB)
tel 039 623853
fax 039 6022742

Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate
Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate

© 2023 Cooperativa Sociale il Visconte di Mezzago - Cookie Policy
P.IVA 00920870961 - CF 08689650151