La
Diseducazione
di
Cameron
Post

La Diseducazione di Cameron Post, Desiree Akhavan

La Diseducazione di Cameron Post

di Desiree Akhavan, Usa, 2018, 90
con Chloë Grace Moretz, John Gallagher Jr., Sasha Lane, Forrest Goodluck, Jennifer Ehle.

La Diseducazione di Cameron Post, Desiree Akhavan

Trama

Cameron Post è una studentessa di liceo con un grande segreto: la cotta per l'amica Coley, della quale nessuno deve venire a conoscenza, poiché da quando i genitori della ragazza sono morti lei è cresciuta con la zia Ruth, assidua lettrice della Bibbia convinta che l'omosessualità sia una malattia. Quando dunque Cameron viene scoperta a fare sesso con Coley durante il ballo di fine anno, zia Ruth la spedisce dritta dritta al God's Promise, un centro religioso di "diseducazione" all'omosessualità.

Gli ospiti del centro, tutti adolescenti attratti da persone del loro stesso sesso, vengono "riprogrammati" partendo dal presupposto che essere gay sia peccato e che l'età adulta sia la stagione in cui ci si deve disfare di tutto quanto di trasgressivo si è commesso durante l'adolescenza.

Regia

Desiree Akhavan

Cast

Chloë Grace Moretz, John Gallagher Jr., Sasha Lane, Forrest Goodluck, Jennifer Ehle.

Durata

90′

Paese di produzione

Usa

Anno di produzione

2018

Premi

Gran Premio della Giuria al Festival di Sundance

Calendario

Le proiezioni si terranno presso: Auditorium Biblioteca di Vimercate, Piazza Unità d'Italia, 2g, Vimercate
martedì 26 marzo 2019
h: 20:45

Recensioni

Mymovies.it. La diseducazione di Cameron Post è basato sul best seller omonimo di Emily Danforth, che ha rivelato l'esistenza di queste realtà "educative" tollerate dalle autorità statunitensi, anche se al loro interno i diritti umani diventano "privilegi" da conquistarsi al prezzo della negazione della propria identità.
(...) il film di Desiree Akhvan, vincitore del Gran Premio della Giuria al Festival di Sundance (e lo stile del racconto è perfettamente aderente a tutti i topos del cinema indie americano), non è una tragedia perché i toni, nonostante il contesto drammatico, sono conditi di ironia: quella che Cameron e due suoi amici all'interno del campo religioso riescono a mantenere di fronte alle difficoltà.

 

Cineforum.it. L’assenza di un arco di trasformazione del personaggio rende il film fin troppo lineare e lo sviluppo drammaturgico segue un piano inclinato non difficile da prevedere. Resta però chiara l’intenzione della regista Desiree Akhavan (che ha tratto la sceneggiatura, scritta con Cecilia Frugiuele, da un romanzo di Emily M. Danforth) di testimoniare la contraddizione in termini e la crudeltà diffusa di istituzioni che, nella pretesa di illuminare la strada, cancellano desideri e individualità, risvegliano mostri e creano automi. La psicologa Lydia (Jennifer Ehle) ha i tratti di placida e luciferina tirannia che ricordano quelli di una guardia carceraria o dell’infermiera Ratched di Qualcuno volò sul nido del cuculo. La minaccia alla propria libertà non viene però da omaccioni in divisa o da personale medico in odor di sadismo, ma dai sorrisi liquidi e dagli sguardi protettivi e senza vita di orgogliosi e tetragoni servi di Dio. 

Prossimamente

  • Il Gusto delle Cose, Tran Anh Hung
    Il Gusto delle Cose, Tran Anh Hung
    Da giovedì 6 giugno 2024 a mercoledì 12 giugno 2024
  • La strada di mattoni gialli - Spettacolo teatrale
    La strada di mattoni gialli - Spettacolo teatrale
    Da venerdì 21 giugno 2024 a domenica 23 giugno 2024
  • Challengers, Luca Guadagnino
    Challengers, Luca Guadagnino
    Da giovedì 23 maggio 2024 a mercoledì 29 maggio 2024
follow
us
bloom map
via Curiel, 39
20883 Mezzago (MB)
tel 039 623853
fax 039 6022742

Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate
Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate

© 2024 Cooperativa Sociale il Visconte di Mezzago - Cookie Policy
P.IVA 00920870961 - CF 08689650151