Anatomia
di
una
caduta

Anatomia di una caduta, Justine Triet

Anatomia di una caduta

di Justine Triet, Francia, 2023, 150
con Sandra Hüller, Swann Arlaud, Milo Machado Graner, Antoine Reinartz, Samuel Theis.

Anatomia di una caduta

Trama

Samuel viene trovato morto, sepolto nella neve fuori dallo chalet isolato dove viveva con la moglie Sandra, scrittrice tedesca, e il figlio di 11 anni non vedente, Daniel. L'inchiesta si conclude con il verdetto di "morte sospetta": impossibile sapere se Samuel si sia suicidato o se sia stato assassinato. Sandra viene comunque incriminata d'ufficio e il processo diventa una dissezione clinica della storia della coppia. Al contempo, Daniel è combattuto e il dubbio comincia a insinuarsi nel rapporto tra madre e figlio.

Regia

Justine Triet

Cast

Sandra Hüller, Swann Arlaud, Milo Machado Graner, Antoine Reinartz, Samuel Theis.

Genere

drammatico

Paese di produzione

Francia

Anno di produzione

2023

Durata

150′

Premi

Festival di Cannes 2023, Palma d'oro al miglior film.
Il film ha ottenuto 4 candidature a Premi Oscar.
Golden Globes: miglior sceneggiatura e miglior film straniero.
Ha inoltre vinto, fra gli altri, 5 premi agli European Film Awards, 1 premio ai BAFTA, 3 premi ai Lumiere Awards.

Calendario

Le proiezioni si terranno presso: Villa Concordia, via Fumagalli, Robbiate
martedì 2 luglio 2024
h: 21:30
3,50 € / Ingresso unico Cinema Revolution

Recensioni

NOTE DI REGIA di Justine Triet

Il film vuole sollevare delle domande importanti sulla reciprocità, sulla fiducia e sulle dinamiche di un rapporto di coppia. La protagonista, Sandra Voyter, è una scrittrice di successo, mentre suo marito, anche lui scrittore, si dedica di più all’insegnamento e all’homeschooling per il figlio non vedente: già da qui capiamo che il tradizionale schema di una coppia ha i ruoli invertiti. La ricerca da parte di Sandra della propria libertà e la sua volontà forte creano uno squilibrio nella relazione e il film ci invita a mettere in discussione le nostre nozioni preconcette di democrazia in un rapporto di coppia e come questa possa essere danneggiata da impulsi di sopraffazione e di rivalità. Nonostante le loro difficoltà, l'idealismo dei due protagonisti e il rifiuto di rassegnarsi a una situazione tutt'altro che perfetta resta ammirevole: anche nelle loro discussioni e nelle loro trattative continuano almeno a essere onesti l'uno con l'altro, rivelando in questo un amore profondo che persiste nonostante le sfide.
Ho scritto il film con il mio compagno, Arthur Harari, condividendo ogni scelta. Inoltre ci siamo affidati alla consulenza di un avvocato penalista per gli aspetti più tecnici del processo. Anche per il modo in cui funziona la giustizia in Francia, ho preferito un approccio diverso dalla spettacolarizzazione dei drammi giudiziari americani: il ritmo è meno frenetico e ho deciso di mantenere uno stile diretto e senza abbellimenti. Non volevo un film troppo rifinito e prevedibile.

 

FilmTv - Un film sul potere e i poteri dietro le parole: non udite nel baccano della musica, registrate di nascosto per trovare quelle di un libro, dette in inglese da una tedesca e da un francese, manipolate per uno psicanalista, ricordate, forse scelte, da un bimbo. Il secondo film processuale del festival (di Cannes) è un’opera che mette in luce i discorsi precostituti intorno al ruolo e al corpo della donna nel rapporto di coppia. Cercando la complessità, non la verità.

 

Cineuropa.it - Estremamente abile nel dosare le atmosfere, Justine Triet dipinge un quadro estremamente accurato che descrive la linea sfocata tra le teorie della manipolazione e la natura sinceramente complessa del caso. Garantendo la credibilità, l'accessibilità e la natura realistica del suo approccio sofisticato e unico, la regista (che ha scritto la straordinaria sceneggiatura con Arthur Harari) firma un'opera di altissimo livello, esplorando anche la linea sottile che separa il reale dall'immaginario (l'eroina è una scrittrice), così come lo sguardo degli altri, l'influenza delle immagini e il nostro istinto protettivo. Questi temi, insieme a molti altri, vengono esaminati e intrecciati in un film incantevole di una ricchezza prodigiosa, tanto sottile quanto potente.

 

Quinlan.it - Punti di forza sono invece il ribaltamento graduale della posizione femminile, lontanissima dall’essere vittima e imputata in una situazione da cui in ogni caso non si esce immacolati, e la scoperta inesorabile della psicologia di Sandra, personaggio molto ben scritto. Alcune scene, come già accennato, sono notevoli: l’incipit, la lite con il marito e la sequenza in cui Daniel decide di intervenire attivamente. Il finale, intrigante, non solleva lo spettatore dal continuare a interrogarsi: il verdetto sulla donna emerge più da un bisogno che da una prova.

Prossimamente

  • IL TEOREMA DI MARGHERITA, Anna Novion
    IL TEOREMA DI MARGHERITA, Anna Novion
    martedì 9 luglio 2024
  • The Miracle Club, Thaddeus O'Sullivan
    The Miracle Club, Thaddeus O'Sullivan
    martedì 9 luglio 2024
  • CATTIVERIE A DOMICILIO, Thea Sharrock
    CATTIVERIE A DOMICILIO, Thea Sharrock
    martedì 18 giugno 2024
follow
us
bloom map
via Curiel, 39
20883 Mezzago (MB)
tel 039 623853
fax 039 6022742

Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate
Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate

© 2024 Cooperativa Sociale il Visconte di Mezzago - Cookie Policy
P.IVA 00920870961 - CF 08689650151