Close
 

Close, Lukas Dhont

Close

di Lukas Dhont, Belgio, Paesi Bassi, Francia, 105
con Eden Dambrine, Gustav De Waele, Émilie Dequenne, Léa Drucker, Kevin Janssens

Close, Lukas Dhont

Trama

Due tredicenni, Leo e Rèmi, vivono la loro preadolescenza condividendo momenti di gioco e momenti di riflessione. Il loro ingresso nella scuola superiore fa sì che i nuovi compagni inizino a manifestare il sospetto che la loro sia non solo un'amicizia ma una relazione sentimentale. Questo finirà per creare una certa distanza che si risolverà in una situazione destinata a lasciare una traccia profonda

Regia

Lukas Dhont

Cast

Eden Dambrine, Gustav De Waele, Émilie Dequenne, Léa Drucker, Kevin Janssens

Durata

105′

Paese di produzione

Belgio, Paesi Bassi, Francia

Premi

Gran Premio della Giuria a Festival di Cannes. Candidato ai Golden Globe 2023 come Miglior film straniero

Calendario
 

mercoledì 18 gennaio 2023
h: 17:30
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65
giovedì 19 gennaio 2023
h: 17:30
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65
giovedì 19 gennaio 2023
h: 20:30
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65
sabato 21 gennaio 2023
h: 18:30
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65
domenica 22 gennaio 2023
h: 20:30
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65
martedì 24 gennaio 2023
h: 21:30
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65
mercoledì 25 gennaio 2023
h: 21:00
Versione originale sottotitolata
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65

Recensioni
 

Quinlan.it - Dhont conferma di saper scegliere e dirigere egregiamente i suoi attori, di prediligere i gesti alle parole, di saper ricorrere alle ellissi, di saper staccare al momento giusto un primo piano, ma anche si sapersi soffermare su un dettaglio, un riflesso, uno momento che sembra interminabile – come nella lancinante sequenza sull’autobus, con Léo che non vuole scendere, che vuole restare avvinghiato ai suoi dodici anni.

 

Cineuropa - Girato in modo molto organico in uno stile che esplora meravigliosamente ogno minima flessione dei tratti sottilmente espressivi di Eden Dambrine, Close è il racconto toccante di un'interiorità lacerata nel tumulto della ricerca della propria identità, in un'età in cui il desiderio di somigliare a gli altri si rivela molto potente, al punto da sopprimere la propria intima personalità e chiudersi volontariamente in un circolo di va e vieni così dolorosi per chi si ama e per sé. Tutto questo, ovviamente, fino alla frattura, perché non si possono girare le spalle impunemente a ciò che ci fa stare bene.

 

LA PAROLA AL REGISTA

In primo luogo, volevo creare immagini che mostrassero una vera intimità e una vera tenerezza tra due giovani ragazzi. Viviamo in un mondo in cui ci sono molte immagini di uomini che hanno rapporti brutali con gli altri, che sembrano scollegati dalla loro fragilità. Volevo creare momenti di tenerezza in un universo maschile. Avere due ragazzi in un letto, vicini, complici, vederli correre in un campo di fiori. E poi volevo davvero fare un film sull'amicizia. Sulla bellezza ma anche sulla fragilità dell'amicizia. Scegliendo due ragazzi giovani, volevo anche parlare di una società in cui la tenerezza tra adolescenti o tra uomini viene vista subito attraverso il prisma della sessualità. Cerchiamo di incasellare tutto. E questo limita alcuni impulsi e amicizie.
Volevo anche parlare di brutalità, come può far sparire quelle cose così fragili, così tenere. Nel mondo, ma anche dentro di noi. Come se si tagliassero dei fiori, o facessero scomparire i colori, dentro.

Trovo che scrivere un dialogo sia un esercizio molto complicato. Si cerca di trasmettere ciò che il personaggio vuole dire, ma anche ciò che il pubblico deve capire. Da adolescente ero abbastanza bravo a fare il mimo. Ho copiato i movimenti e il comportamento degli altri. Mi ha ispirato molto la danza, il lavoro dei coreografi e dei ballerini, che riescono a esprimere i sentimenti con i loro corpi e i loro movimenti. Molto presto mi sono detto che questo era il linguaggio con cui volevo entrare nel cinema, il linguaggio del corpo. Prima di diventare regista, volevo essere un ballerino. Sento che sto cercando di realizzare parte di quel sogno di danza attraverso il mio linguaggio cinematografico. Per esprimere ciò che voglio senza parole. (dall'intervista a Lukas Dhont su Cineuropa)

 

 

Prossimamente
 

  • Radar Men From The Moon
    Radar Men From The Moon
    giovedì 18 maggio 2023
  • Ploi, Árni Ásgeirsson
    Ploi, Árni Ásgeirsson
    domenica 12 marzo 2023
  • Tutto Il Nostro Sangue #42 | We Are Waves + EUF + Brina
    Tutto Il Nostro Sangue #42 | We Are Waves + EUF + Brina
    sabato 18 febbraio 2023
follow
 
us
 
bloom map
via Curiel, 39
20883 Mezzago (MB)
tel 039 623853
fax 039 6022742

Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate
Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate

© 2023 Cooperativa Sociale il Visconte di Mezzago - Cookie Policy
P.IVA 00920870961 - CF 08689650151