Una
 
Squadra
 

Una Squadra, Domenico Procacci

Una Squadra

di Domenico Procacci, Italia, 88
con --

Una Squadra, Domenico Procacci

Trama

1976, dicembre: la finale della Coppa Davis è prevista a Santiago del Cile, tra i padroni di casa e l'Italia. Ma la squadra azzurra, capitanata da Nicola Pietrangeli, è oggetto in patria di un acceso dibattito pubblico e politico, che coinvolge, oltre alle piazze, membri del parlamento come personaggi dello spettacolo: partecipare alla competizione per tentare di vincere un trofeo ambito e mai conquistato o boicottare l'evento in segno di protesta rispetto alle violenze della dittatura militare, instaurata col colpo di Stato tre anni prima? I protagonisti di quella finale (più alcuni esperti), intervistati oggi, tornano su quell'evento sportivo, ognuno con la propria verità, dentro e fuori dal campo. Sono il campione Pietrangeli, cosmopolita e spavaldo, l'introverso, scostante, udinese Corrado Barazzutti, il gaudente Paolo Bertolucci da Forte dei Marmi, il viveur romano Adriano Panatta, figlio del custode del Circolo Tennis Parioli, e il suo concittadino borgataro e concreto Tonino Zugarelli. Diversi caratterialmente, uniti nella vittoria, da allora non più replicata.

 

 

Regia

Domenico Procacci

Cast

--

Durata

88′

Paese di produzione

Italia

Premi

Presentato al Torino Film Festival 2021

Calendario
 

domenica 26 giugno 2022
h: 21:30
6,00 € / Intero
4,00 € / Ridotto under 26 e over 65

Recensioni
 

Sentieriselvaggi.it  Ci sono foto, articoli dei quotidiani e copertine di riviste d’epoca (tra cui Il Monello) e soprattutto le immagini in bianco e nero. Procacci crea un controcampo continuo/presente passato. I dialoghi si intrecciano tra loro, l’affermazione di uno viene rilanciata da un altro, oppure una domanda trova una risposta nello stacco successivo

Cinematographe.it   Una Squadra si rivela un film toccante, comico e storico che crea il giusto bilancio tra emozione e storia. Domenico Procacci crea così un film corale in cui passato e presente si fondono creando una nuova dimensione, esattamente come i suoi personaggi che mantengono la loro individualità nel racconto facendo tuttavia emergere all’unisono la storia di una squadra simbolo dell’Italia.

Locchiodelcineasta.com  In queste testimonianze spicca uno spirito libero d’altri tempi, come per esempio quello di Adriano Panatta che, il giorno della finale propose al suo compagno Paolo Bertolucci di scendere in campo con la maglia rossa. Era una provocazione, un gesto di protesta sconsiderato e inammissibile. Ma nessuno ne parlò. Forse perché le televisioni erano ancora per la maggior parte in bianco e nero? A dire il vero neppure il resto della squadra capì la portata di quel gesto apparentemente ingenuo ma pazienza, sospira Panatta. Certe cose si fanno ma non si spiegano.

 

Prossimamente
 

  • Giocare non è (solo) un gioco
    Giocare non è (solo) un gioco
    domenica 5 febbraio 2023
  • Bohren & Der Club Of Gore
    Bohren & Der Club Of Gore
    sabato 20 maggio 2023
  • Talco "Videogame Tour" + Discomostro + Guacamaya live
    Talco "Videogame Tour" + Discomostro + Guacamaya live
    sabato 22 aprile 2023
follow
 
us
 
bloom map
via Curiel, 39
20883 Mezzago (MB)
tel 039 623853
fax 039 6022742

Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate
Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate

© 2023 Cooperativa Sociale il Visconte di Mezzago - Cookie Policy
P.IVA 00920870961 - CF 08689650151