CRESCENDO.png

Crescendo - #makemusicnotwar, Dror Zahavi

di Dror Zahavi, Germania 2019, 102′, con Gotz Otto, Daniel Donskoy, Peter Simonischek, Bibiana Beglau, Mehdi Meskar

crescendo locandina.jpg

Eduard Sporck, direttore d'orchestra di importanza mondiale riceve ed accetta la proposta di costituire un'orchestra formata da giovani musicisti israeliani e palestinesi con l'obiettivo di realizzare un concerto. L'impresa, già difficile sulla carta, si dimostra ancor più complessa nella realtà perché il confronto è da subito molto duro. In particolare i due più talentuosi musicisti, la palestinese Layla e l'israeliano Ron non si risparmiano attacchi. Sporck decide di trasferire tutto l'ensemble in Alto Adige, un luogo che ha segnato la sua vicenda personale, e lì tentare di proseguire le prove.

 

Prenota il tuo posto qui.

Premi

Cinema For Peace - Honorary Award

Mercoledì 26 maggio 2021 ore 20:30
Giovedì 27 maggio 2021 ore 17:00
Venerdì 28 maggio 2021 ore 20:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Sabato 29 maggio 2021 ore 18:00
Martedì 1 giugno 2021 ore 20:30
Mercoledì 2 giugno 2021 ore 17:00

Recensioni

FilmTv - Nel 1999 Daniel Barenboim fondava con lo scrittore Edward Said la West Eastern Divan Orchestra, riunendovi giovani da diversi paesi per favorire il dialogo tra musicisti di culture storicamente nemiche. A quell'esperienza guarda Crescendo, rielaborandola liberamente nella vicenda del maestro Sporck (Peter Simonischek, aka Toni Erdmann), chiamato da un'agguerrita (pardon!) filantropa a costituire un'orchestra d'israeliani e palestinesi.

 

Cinematographe - I giovani attori, essendo davvero delle nazionalità che rappresentano, hanno vissuto veramente il conflitto in prima persona, e l’esperienza dei loro personaggi è stata la loro stessa esperienza. Zahavi ha raccontato come i ragazzi siano rimasti fortemente impressionati da quello che hanno rappresentato, e in particolare dalla scena in cui si confrontano stando gli uni di fronte agli altri,  divisi da un filo posto sul pavimento della stanza:

“Ho chiesto loro di insultare, di incolpare l’altro per l’uccisione delle proprie famiglie, di manifestare all’altro il proprio odio. Molti di loro hanno iniziato a piangere. Un paio sono svenuti, un paio si sono rifiutati di esprimere insulti verso l’altra etnia perché non era quello che provavano, ma sono emersi anche dei conflitti piuttosto pesanti. Ci sono stati dei momenti difficili e alcuni non li dimenticherò mai”.

 

Futuro random

A CHIARA.png
COVER_FB.png
246185353_10158806029268195_7869429337050067671_n.jpg
245929877_10158873098502639_4387892200726939319_n.jpg