PRIMULA ROSSA.png

Primula Rossa, Franco Jannuzzi

di Franco Jannuzzi, Italia 2018, 82′, con Salvo Arena, Angelo Campolo, David Coco, Fabrizio Ferracane, Gianni Fortunato

primula loc.jpg

Ispirato alla storia di Ezio Rossi un ex membro dei NAP, Nuclei Armati Proletari, che ha passato quasi tutta la sua vita tra il carcere e l'ospedale psichiatrico giudiziario. In questo film documentario la sua vita si intreccia in vari modi con altri internati dell'ospedale. Ezio Rossi troverà nella figura dello psichiatra Lucio una possibilità per redimersi.

Nel 1978 viene promulgata, su iniziativa di Franco Basaglia, la “legge 180” che sancisce la chiusura degli Ospedali Psichiatrici, per affermare la dignità e i diritti di cittadinanza di ogni persona, qualunque sia la condizione sociale e di salute. Paure, stigmi ed egoismi hanno però perpetuato e riproposto forme vecchie e nuove di istituzioni totali. Al contempo da allora in Italia non si è più smesso di ricercare e sperimentare modelli evoluti di welfare di comunità, capaci di restituire “potere” e “diritti” alle persone fragili. Primula rossa percorre il crinale fra queste due visioni dell’uomo e della vita. Il film, seppur per ricerca e sottrazione, fa riferimento al progetto Luce è Libertà della Fondazione di Comunità di Messina e lascia intravedere che grande potenziale di trasformazione si potrebbe generare se tutte le risorse umane, professionali ed economiche, che vengono utilizzate per tenere rinchiusi ed esclusi altri esseri umani solo perché malati, fossero utilizzate per aiutarli a vivere, lavorare ed abitare in un luoghi scelti.

 

Saranno presenti

Angelo Righetti, psichiatra, collaboratore della Fondazione di Comunità di Messina tra gli enti co-produttori del film, ha partecipato alla stesura della sceneggiatura del film e è voce narrante.

Alberto Valtellina, autore del montaggio.

 

Evento inserito nella rassegna

FAR RUMORE Azioni per la salute mentale – V edizione 2019

Mercoledì 20 novembre 2019 ore 21:00
Serata con ospiti
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto over 65 e under 26

Recensioni

Mymovies.it - Se ci si fermasse al titolo si potrebbe pensare che questa interessante docufiction si ancori fondamentalmente sulla complessa vita di Ezio Rossi. Invece non è solo così. Rossi resta come fil rouge che attraversa la narrazione ma Jannuzzi intende, grazie al suo caso che si può definire di maggior rilievo, promuovere una riflessione più ampia. In sostanza ci si trova a interrogarsi su quanto la situazione nel nostro Paese sia effettivamente mutata da quando la cosiddetta legge Basaglia sancì la chiusura di quelli che nella dizione più corrente venivano definiti manicomi.

 

Sentieriselvaggi.it - Il film trova diverse strade per raggiungere il suo fine, più o meno forti, che vanno a calcare su diversi aspetti conoscitivi del racconto. La prima, e anche la più dura da digerire, è quella che riguarda la sezione di archivio che è stata selezionata, in cui le immagini in bianco e nero mostrano questi uomini costretti a vivere al limite del sopportabile. La seconda è quella della fiction, che tramite attori va a ricostruire il rapporto tra lo psichiatra e gli utenti del centro, in particolare con Enzo. La terza, non meno forte ed efficace, è quella di un semi-voice over che racconta le brevi storie di alcuni dei detenuti scritte e lette dallo psichiatra Angelo Righetti, da sempre impegnato per la causa.

 

Link al sito ufficiale del film: http://primularossailfilm.it/

Futuro random

YULI.png
74315954_10157129197322639_9007269095204192256_n.jpg
STREGA ROSSELLA1200X630.png
75031012_10157328565991487_4518341862095847424_n.jpg