COPIA ORIGINALE.png

Copia Originale-Can You Ever Forgive Me?, Marielle Heller

di Marielle Heller, USA 2018, 106′, con Melissa McCarthy, Richard E. Grant, Dolly Wells, Jane Curtin, Ben Falcone

copia 2 locandina.jpg

New York, 1991. Lee Israel ha un grande talento e un pessimo carattere. L'alcolismo e la misantropia, le alienano qualsiasi possibilità di carriera. Licenziata per un bicchiere e un insulto di troppo, deve trovare un altro modo, e deve trovarlo presto, per sbarcare il lunario e curare il suo adorato gatto. Due lettere di Fanny Brice, rinvenute per caso in un libro della biblioteca e vendute a 75 dollari, le forniscono l'idea che cercava. Biografa talentuosa, mette a frutto la sua conoscenza della materia e il suo talento di scrittrice. Seduta alla macchina da scrivere compone finte lettere di grandi autori scomparsi. Affiancata da Jack Hock, spirito libero col vizio del sesso, Lee riesce nell'impresa. Almeno fino a quando l'FBI non si mette sulle sue tracce.

 

Premi

Il film ha ottenuto 3 candidature a Premi Oscar, 2 candidature a Golden Globes

Venerdì 8 marzo 2019 ore 20:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Sabato 9 marzo 2019 ore 20:00
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Domenica 10 marzo 2019 ore 20:30
lingua originale, sottotitolato
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Martedì 12 marzo 2019 ore 21:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Mercoledì 13 marzo 2019 ore 21:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65

Recensioni

Mymovies.it. Tutto è spostato nel film di Marielle Heller e tutto contribuisce a ricostruire l'illusione alla base del sorprendente processo di falsificazione di Lee Israel. Ma a guardarlo più da vicino e andando oltre la frode seriale, Copia originale racconta la vita di una donna che non trova il suo posto in un mondo che cambia, in una città dove chiudono le librerie e aprono gli Starbucks, dove aumentano gli spazi di coworking e si riducono quelli in cui respirare (e leggere) in pace, dove la decimazione della comunità gay avanza con quella della cultura artistica.

 

filmtv.press Heller compone un secondo ritratto di donna non conciliato e antiretorico che è anche un biopic inappuntabile, un irresistibile buddy drama (sensazionali Grant e McCarthy, che sfuma in malinconia il proprio campionario di caratteri comici, “gattara” compresa), e un’opera sulla contraffazione come grande arte affabulatoria, e, di riflesso, sul cinema come la più sublime delle truffe.

Futuro random

helmet.jpg
05. AMERICAN ANIMALS.png
01. JIMI.png
11. INGREDIENTE.png