AIDA.png

Quo Vadis, Aida?, Jasmila Zbanic

di Jasmila Zbanic, Bosnia-Herzegovina, Austria, Romania, Paesi Bassi, Germania, Polonia, Francia, Norvegia 2020, 103′, con Boris Isakovic, Boris Ler, Dino Bajrovic, Edita Malovcic, Emir Hadžihafizbegović, Izudin Bajrovic, Jasna Djuričić, Johan Heldenbergh, Raymond Thiry.

Aida.jpg

Bosnia, luglio 1995. Aida è un’interprete che lavora con l’Organizzazione delle Nazioni Unite nella cittadina di Srebrenica. Quando l’esercito serbo occupa la città, la sua famiglia è tra le migliaia di cittadini che cercano rifugio nell’accampamento delle Nazioni Unite. Come persona informata sulle trattative, Aida ha accesso a informazioni cruciali per le quali è richiesto il suo ruolo di interprete. Cosa si profila all’orizzonte per la sua famiglia e la sua gente? La salvezza o la morte? Quali passi dovrà intraprendere?

 

Prenota qui il tuo posto

 

 

Premi

Il film è stato premiato agli European Film Awards (miglior film, miglior regista e migliore attrice), Miglior Film Straniero ai Spirit Awards, Premio del Pubblico al Rotterdam FF. E' candidato agli oscar.

Giovedì 20 gennaio 2022 ore 20:40
Venerdì 21 gennaio 2022 ore 21:00
Versione Originale serbo con sottotitoli
Domenica 23 gennaio 2022 ore 18:00
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Martedì 25 gennaio 2022 ore 18:00
Mercoledì 26 gennaio 2022 ore 21:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Giovedì 27 gennaio 2022 ore 18:00
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65

Recensioni

MyMovies - Prendendo spunto dalla vicenda realmente accaduta al traduttore Hasan Nuhanovic, Zbanic costruisce su un onnipresente personaggio femminile un dramma incalzante, che attraversa la tragedia e la ricostruzione storica con la medesima attitudine e con il medesimo sguardo. Quello di Aida – su cui Zbanic incolla la macchina da presa – che con la sua fermezza e lucidità di madre e di insegnante, di moglie e di guida, sembra non smarrire mai il controllo in una situazione apparentemente ingestibile.

 

Quinlan.it - La regista bosniaca Jasmila Žbanic (Orso d’Oro 2006 per Il segreto di Esma) affronta la sfida insidiosa di ripercorrere i passaggi che portarono alla più grande strage avvenuta in Europa dal secondo dopoguerra, quella di Srebrenica del luglio del 1995. Il risultato è Quo Vadis, Aida? in Concorso alla Mostra di Venezia. Un film implacabile, sobrio, privo di retorica, classico, poco appariscente, ficcante, dolorosissimo. (...) È inevitabile che Quo Vadis, Aida?termini un po’ più in là, a guerra finita, ponendo l’inquietante domanda non solo di come sia stato possibile ma sopratutto di come sia possibile continuare e continuare a persistere, a restare (al mondo, gli uni con gli altri, ancora e ancora). Nel film non vediamo immagini di morte. Ma immagini di bambini ignari, a scuola, con la straniante sensazione che l’umanità ricominci sempre da capo, di nuovo, da zero. A vivere, a conoscere, a raccontare, a non imparare, a sbagliare…

 

Internazionale.it - Appassionante e trascinante senza furberie, il film interroga le nostre bugie e i nostri silenzi, non solo quelli serbi e bosniaci, ma anche quelli dell’opinione pubblica, della comunità internazionale. In altre parole, tutto è in campo perché tutto è fuori campo. Fino al finale nell’oggi dove alcuni bambini, in una rappresentazione teatrale seguendo i fili dell’invisibile, mimano la necessità di saper volare con la mente e di aprire gli occhi dopo averli chiusi. Come dopo una violenta litigata per una sbronza, nessuno sembra più capire il perché di quell’odio, di quella crudeltà insensata e tutti sembrano vergognarsi e voler rimuovere i fatti.

Futuro random

210171036_540686044010013_5167909651895254164_n.jpg
263155702_309276384532667_2565296717944688085_n.jpg
271153350_6877155219021373_1269073958038668073_n.jpg
255649056_4752279601501084_1742504482383154586_n.jpg