Border
 
-
 
Creature
 
di
 
confine
 

Border - Creature di confine, Ali Abbasi

Border - Creature di confine

di Ali Abbasi, Svezia, Danimarca, 108
con Eva Melander, Eero Milonoff, Jörgen Thorsson, Ann Petrén, Sten Ljunggren

Border - Creature di confine, Ali Abbasi

Trama

Tina ha un fisico massiccio e un naso eccezionale per fiutare le emozioni degli altri. Impiegata alla dogana è infallibile con sostanze e sentimenti illeciti. Viaggiatore dopo viaggiatore, avverte la loro paura, la vergogna, la colpa. Tina sente tutto e non si sbaglia mai. Almeno fino al giorno in cui Vore non attraversa la frontiera e sposta i confini della sua conoscenza più in là. Vore sfugge al suo fiuto ed esercita su di lei un potere di attrazione che non riesce a comprendere. Sullo sfondo di un'inchiesta criminale, Tina lascia i freni e si abbandona a una relazione selvaggia che le rivela presto la sua vera natura. Uno choc esistenziale il suo che la costringerà a scegliere tra integrazione o esclusione.

Regia

Ali Abbasi

Cast

Eva Melander, Eero Milonoff, Jörgen Thorsson, Ann Petrén, Sten Ljunggren

Durata

108′

Paese di produzione

Svezia, Danimarca

Premi

Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, è stato premiato al Festival di Cannes nella sezione Un certain regard, 4 candidature agli European Film Awards

Calendario
 

giovedì 18 aprile 2019
h: 20:30
6,00 € / intero
4,00 € / ridotto (over 65, under 26)
venerdì 19 aprile 2019
h: 20:30
6,00 € / intero
4,00 € / ridotto (over 65, under 26)
sabato 20 aprile 2019
h: 20:00
6,00 € / intero
4,00 € / ridotto (over 65, under 26)
lunedì 22 aprile 2019
h: 20:30
Film in lingua originale sottotitolato
6,00 € / intero
4,00 € / ridotto (over 65, under 26)
martedì 23 aprile 2019
h: 21:30
6,00 € / intero
4,00 € / ridotto (over 65, under 26)
mercoledì 24 aprile 2019
h: 20:30
6,00 € / intero
4,00 € / ridotto (over 65, under 26)

Recensioni
 

mymovies.it. Autore svedese di origine iraniane, Ali Abbasi realizza un film sorprendente e immaginifico che inquieta e insieme meraviglia, incrociando cronaca sociale e atmosfera fantastica. I colpi di scena, tutti di rilievo, non sono mai gratuiti in Border che interroga la nozione di umanità, di animalità e le loro frontiere. Se la natura umana è mostruosa, non ci restano forse che i mostri per farci la lezione proprio come nelle favole gotiche di Guillermo del Toro.
(...) La questione del confine, sollevata fin dal titolo e assunta concretamente con la dogana del porto, si risolve per Tina nel mezzo, nel tentativo di abbattere le barriere, prima di tutto mentali, nei confronti degli altri. Resistente e inatteso come la sua protagonista, una poderosa Eva Melander dissimulata dalla protesi facciale, Border impressiona e destabilizza in permanenza lo spettatore, rinnovando l'appello alla tolleranza. Mentre l'Europa si trincera dietro i suoi confini, il film di Abbasi incoraggia, con un'efficacia delirante, l'apertura di tutte le frontiere.

 

"Il film di Ali Abbasi, il regista iraniano-svedese premiato a Cannes: "L'estetica di Hollywood non è la realtà" (...). È l' inizio di un viaggio d'investigazione criminale su una rete di pedofili, ma anche di presa di coscienza personale, costellato da potenti (insvelabili) colpi di scena. 'Border- Creature di confine', tratto dal racconto Gräns dello scrittore svedese John Ajvide Lindqvist è favola mitologica, thriller, racconto morale e sociale che affronta i temi di identità di genere e integrazione." (Aranna Finos, 'La Repubblica', 14 marzo 2019)

 

"(...) Ci sono volute un'attrice svedese, un attore finlandese e un regista di origine iraniana per realizzare questo strano film, contenente elementi di "fantastico" ma ben radicato nella realtà. Ci si sente la cultura nordica dei troll e degli elfi (l'origine è un racconto di John Ajvide Lindqvist, detto "lo Stephen King scandinavo"); però ciò che importa al regista è interpellare lo spettatore sull'idea di normalità. Qual è la linea di frontiera tra umano e animale? Che cosa è bello e che cosa è brutto? Certo, accostarsi a un film come Border non è facile: ma chi lo fa ne sarà premiato da momenti di pura emozione." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 28 marzo 2019)

 

filmtv.press.  Ali Abbasi, vincitore con questo secondo lungometraggio del Certain regard a Cannes 2018, innesta il folklore scandinavo nella tradizione del nordic noir, mettendo il tutto al servizio di un racconto morale che si chiede continuamente cosa significhi essere umani - in senso etico, prima che genetico. La rabbia di Tina e Vore è quella di chiunque sia costretto a vedersi diverso, nel loro passato c’è lo spettro di un razzismo che confina con la pulizia etnica, e il fatto che “troll”, nella contemporaneità, sia diventato il termine per indicare chi fomenta l’odio, è solo uno dei tasselli di un simbolismo sfacciato ma felicemente irruente. Perché il confine del titolo non è solo la dogana dove Tina lavora, ma anche quello tra razze, quello tra i sessi, quello tra maternità e infertilità: confini artificiali, labili, che si fanno liquidi nel corpo di Tina, ma troppo resistenti intorno a lei.

Prossimamente
 

  • No Fun At All
    No Fun At All
    mercoledì 17 maggio 2023
  • L'Innocente, Louis Garrel
    L'Innocente, Louis Garrel
    Da mercoledì 1 febbraio 2023 a mercoledì 8 febbraio 2023
  • The Legendary Pink Dots
    The Legendary Pink Dots
    venerdì 24 febbraio 2023
follow
 
us
 
bloom map
via Curiel, 39
20883 Mezzago (MB)
tel 039 623853
fax 039 6022742

Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate
Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate

© 2023 Cooperativa Sociale il Visconte di Mezzago - Cookie Policy
P.IVA 00920870961 - CF 08689650151