La
zona
d'interesse

La zona d'interesse, Jonathan Glazer

La zona d'interesse

di Jonathan Glazer, Gran Bretagna, Polonia, USA, 2023, 105
con Christian Friedel, Sandra Hüller, Johann Karthaus, Luis Noah Witte, Nele Ahrensmeier

La zona d'interesse

Trama


Liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Martin Amis, “La zona d’interesse” è la storia di una famiglia tedesca apparentemente normale che vive - in una bucolica casetta con piscina - una quotidianità fatta di gite in barca, il lavoro d’ufficio del padre, i tè della moglie con le amiche, le domeniche passate a pescare al fiume. Peccato che l’uomo in questione sia Rudolf Höss, comandante di Auschwitz, e la deliziosa villetta con giardino in cui vive con la sua famiglia in una surreale serenità è situata proprio al confine con il campo di concentramento, a due passi dall’orrore, così vicino e così lontano. Dal talento di Jonathan Glazer (Under The Skin), un’opera imprescindibile sulla perdita dell’umanità e sulla banalità del male, Gran Premio
Speciale della Giuria a Cannes 2023.

Regia

Jonathan Glazer

Cast

Christian Friedel, Sandra Hüller, Johann Karthaus, Luis Noah Witte, Nele Ahrensmeier

Genere

drammatico, storico

Paese di produzione

Gran Bretagna, Polonia, USA

Anno di produzione

2023

Durata

105′

Premi

5 candidature ai premi Oscar.
Festival di Cannes 2023: Gran premio della giuria;
BAFTA: Miglior suono, Miglior film straniero, Miglior film britannico;
National Board of Review: Migliori film in lingua straniera

Calendario

Le proiezioni si terranno presso: Villa Greppi, via Montegrappa 21, Monticello Brianza
giovedì 8 agosto 2024
h: 21:00
3,50 € / Biglietto unico Cinema Revolution

Recensioni

Mymovies.it - La banalità del male: era il termine che aveva coniato Hannah Arendt, negli anni ’60, per descrivere la deludente, quasi meschina dimensione del criminale di guerra nazista Adolf  Eichmann. Era andata in Israele a seguire il processo a questo gerarca nazista, responsabile delle deportazioni di milioni di ebrei. E vide davanti a sé solo un uomo ottuso, mediocre.
La banalità del male. La normalità del male. La semplicità del male. Viene alla mente, eccome, vedendo La zona d'interesse, il film di Jonathan Glazer che a Cannes, il maggio scorso, ha vinto il Grand Prix du Jury, e che è ora candidato a cinque Oscar, fra cui quello per il miglior film. Un film sperimentale sull’Olocausto. Un Grande fratello nazista. Un film necessario, sull’abilità dell’uomo – e delle donne – di far sparire la coscienza sotto il centrino della tavola. Un film sull’orrore, che fingiamo di non vedere, oltre il giardino.

 

Cineforum.it - Glazer (con la direttrice del casting Simone Bär) affida i due ruoli chiave a Christian Friedel (Il nastro biancoAmour Fou) e Sandra Hüller (Vi presento Toni ErdmannAnatomie d’une chute), che indossano con fredda naturalezza, senza le forzature, senza le caricature “dell’obbligo”, da film sul nazismo, i sintomi delle nevrosi che li accompagnano: lui apatetico, pallido e un po’ gonfio, lei, caratterizzata da un blando claudicare, come una vera signora della classe media, gestisce la casa, educa i figli, riceve visite e recupera, quando può, la “roba bella”, quella che le persone di là dal muro non torneranno mai a indossare. Quando Rudolph viene assegnato a nuova mansione, la principale preoccupazione è quella di non perdere il privilegio di vivere in quel “paradiso”, anche a costo di dover accettare compromessi, di non rinunciare a quelle gioiose adunate di famiglia in piscina; momenti di convivialità straniante ...

 

FilmTv - Jonathan Glazer non adatta La zona d’interesse di Martin Amis. Lo riduce ai minimi termini (come già fece in Under the Skin col romanzo di Michel Faber). Lo spoglia. Ne riprende, esclusivamente, quel che è mostrabile. Ci sono tre storie, nel romanzo. Due ufficiali SS, un Sonderkommando. Fa sintesi delle prime due. E cancella l’ultima, che rientra, poi, in forma documentale (testo in calce, come sottotitolo, a ritmo di musica, ma privo di voce: non è un caso). Quel che resta è la vita oscenamente tranquilla di Rudolf Höss, primo comandante del campo di concentramento di Auschwitz, e della sua famigliola.

 

Quinlan.it - Le sequenze bucoliche, come se fossimo in un diabolico rovesciamento di Tutti insieme appassionatamente, sono probabilmente l’immagine più emblematica de La zona d’interesse, la metafora di un popolo, di una nazione, di un sistema che ha totalmente perso di vista la realtà, cedendo collettivamente alla follia programmatica del nazismo. Inconcepibile? Forse. Eppure la famiglia di Rudolf Höss, come moltissime altre, è lì a ricordarci della normalità del male, delle famiglie felici e sterminatrici. Salutavano sempre, curavano il giardino, che bravi ragazzi i figli. Tutto questo accanto alle grida, ai lamenti, al rumore dei forni inarrestabili, ventiquattro ore su ventiquattro.

Prossimamente

  • Gloria!, Margherita Vicario
    Gloria!, Margherita Vicario
    giovedì 15 agosto 2024
  • Tatami, Zahra Amir Ebrahimi, Guy Nattiv
    Tatami, Zahra Amir Ebrahimi, Guy Nattiv
    lunedì 19 agosto 2024
  • TERRESTRA 2024
    TERRESTRA 2024
    Da domenica 6 ottobre 2024 a domenica 13 ottobre 2024
follow
us
bloom map
via Curiel, 39
20883 Mezzago (MB)
tel 039 623853
fax 039 6022742

Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate
Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate

© 2024 Cooperativa Sociale il Visconte di Mezzago - Cookie Policy
P.IVA 00920870961 - CF 08689650151