Terra
e
Polvere

Terra e Polvere, Li Ruijun

Terra e Polvere

di Li Ruijun, Cina, 2022, 133
con Wu Renlin, Hai-Qing, Guangrui Yang, Dengping Zhao, Cailan Wang

Terra e Polvere

Trama

Il matrimonio combinato di Youtie e Guiying, un uomo e una donna che vivono vite difficilissime, sembra portare inevitabilmente alla somma di due solitudini. Di due povertà (sociali, emotive, affettive). Ma da questo incontro, tenero e pudico, prenderà forma giorno dopo giorno un legame solido e prezioso... Return to Dust, titolo-rivelazione della Berlinale e del Far East Film Festival di Udine, dove ha vinto il Black Dragon Award e il Silver Mulberry Award, racconta l’amore attraverso i silenzi e i ritmi contadini della Cina rurale.

Regia

Li Ruijun

Cast

Wu Renlin, Hai-Qing, Guangrui Yang, Dengping Zhao, Cailan Wang

Genere

drammatico

Paese di produzione

Cina

Anno di produzione

2022

Durata

133′

Premi

Far East Film Festival di Udine: Black Dragon Award e Silver Mulberry Award

Calendario

sabato 29 aprile 2023
h: 19:00
7,00 € / Intero
5,00 € / Ridotto over 65 e Soci Bloom
4,00 € / Ridotto Under 26
domenica 30 aprile 2023
h: 20:30
7,00 € / Intero
5,00 € / Ridotto over 65 e Soci Bloom
4,00 € / Ridotto Under 26
martedì 2 maggio 2023
h: 21:30
7,00 € / Intero
5,00 € / Ridotto over 65 e Soci Bloom
4,00 € / Ridotto Under 26
mercoledì 3 maggio 2023
h: 21:00
versione originale cinese sottotitolata
7,00 € / Intero
5,00 € / Ridotto over 65 e Soci Bloom
4,00 € / Ridotto Under 26
giovedì 4 maggio 2023
h: 17:30
7,00 € / Intero
5,00 € / Ridotto over 65 e Soci Bloom
4,00 € / Ridotto Under 26

Recensioni

MyMovies.it - C'è nelle pieghe della storia una toccante meditazione tanto sulla serenità con cui si cerca di fare il meglio per il proprio compagno di vita di fronte alle difficoltà, quanto sull'erosione fisica dei corpi, progressivamente sempre più provati.
È in questa progressione che il film usa i due protagonisti (Wu Renlin e Hai Qing, lei attrice professionista, lui zio del regista e portatore di un'autenticità notevole) come una simbolica simbiosi tra la terra stessa e il tempo che passa, prestando particolare attenzione ai gesti della loro quotidiana attività contadina e mostrandoli nel rispetto della loro completezza. C'è del bello, sembra dire Li Ruijun, in ciò che inesorabilmente ci consuma.

 

Sentieri Selvaggi - Come una coppia di rondini costruisce il proprio nido, così Ferro e Guiyng costruiscono la propria casa fatta di fango e legno. È impossibile lasciare il proprio posto felice costruito con tanta fatica per andare a vivere in uno squallido appartamento popolare di città, senza asino e senza galline. “Tutto inizia nella terra e tutto finisce nella terra, la terra non ci disprezza, perché noi dovremmo?”, così riflette saggiamente Ferro sulla possibilità di assecondare il progredire dell’urbanizzazione del suo villaggio. Il discorso messo in piedi dal regista è la collisione tra il nuovo mondo e il mondo antico, quello che sta lentamente scomparendo, un discorso simile a quello su cui ragiona spesso e volentieri nel nostro paese Alice Rohrwacher.  Per quanto siano presenti alcune parentesi retoriche, come ad esempio la facile metafora del popolo sfruttato al pari del protagonista costretto letteralmente a donare il sangue al suo padrone, Terra e polvere colpisce per la tenerezza e purezza di sguardo oltre al rigore formale che lo contraddistingue. Commuove la storia d’amore tra due anime innocenti che si ritrovano miracolosamente in un mondo arcaico che si sta estinguendo.

 

Quinlan.it - Li firma sì un’elegia contadina, ma non dimentica mai il dolore intimo dei suoi due personaggi; conosce il potere dell’immagine ma fa in modo che la geometria dell’inquadratura non soverchi mai il racconto. Quel che ne deriva è un’opera fuori dal tempo, che alcuni potrebbero perfino definire “passatista”, ma che in realtà non si adatta a conformarsi con la marea montante, e si tiene invece a distanza da certe abitudini del cinema cinese di oggi. Terra e polvere è una accorata e riuscita storia d’amore, un inno alla capacità dell’umano di trovare conforto nell’altro-da-sé, scandito dallo scorrere delle stagioni, da un rapporto osmotico con la natura – la liberazione dell’asino è in qualche modo liberazione di se stessi –, e dalla certezza di rappresentare una periferia del mondo, anche all’interno di un sistema abnorme come quello cinese.

 

Potente e poetico.
Variety

Due anime semplici in un mondo che sta scomparendo.
The Hollywood Reporter

La risonanza universale di un toccante ritratto di provincia.
Screen International

Un inno alla capacità di resistere.
MYmovies

Un’accorata e dirompente storia d’amore.
Quinlan

Un ritratto delicato e commovente.
Cinematografo

Prossimamente

  • FELA - IL MIO DIO VIVENTE, Daniele Vicari
    FELA - IL MIO DIO VIVENTE, Daniele Vicari
    martedì 6 agosto 2024
  • Bloom Garten w/ Bar, Cucina & Premiata Pizzeria
    Bloom Garten w/ Bar, Cucina & Premiata Pizzeria
    Da venerdì 7 giugno 2024 a domenica 8 settembre 2024
  • Un Mondo a Parte, Riccardo Milani
    Un Mondo a Parte, Riccardo Milani
    martedì 25 giugno 2024
follow
us
bloom map
via Curiel, 39
20883 Mezzago (MB)
tel 039 623853
fax 039 6022742

Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate
Nel cuore verde della Brianza a soli 30 minuti da Milano, 20 da Monza e 10 da Vimercate

© 2024 Cooperativa Sociale il Visconte di Mezzago - Cookie Policy
P.IVA 00920870961 - CF 08689650151