LA FATICA DEI SALMONI - Festa della Cooperazione

Rimettere al centro il lavoro di qualità, è con questo impegno che i Salmoni si sono ritrovati anche quest’anno per riflettere e far festa insieme su come la cooperazione può cambiare, in meglio, la vita delle persone.

 
 
 
Programma:
 
 
SABATO 25/09 - 9.30
SEMINARIO*: DIRITTI, QUALITA’ E DIGNITA’ DEL LAVORO COOPERATIVO
 
Ne parliamo con:
- Michele di Bona, CGIL Bergamo
- Davide Bulighin, Food4Me (rider/logistica)
- Attilio Dadda, Legacoop Lombardia (sociale)
- Roberto Spinach D’Ambrosio, segretario nazionale CUB info spettacolo e lavoratore del Teatro alla Scala (spettacolo)
- Pietro Fragasso, presidente coop. Pietra di Scarto di Cerignola (Fg)
 
12.30: PRANZO* (SU PRENOTAZIONE)

19.30 O 21.00: CENA* (SU PRENOTAZIONE)
 
21,30: CONCERTO *
LA BANDA DEGLI OTTONI A SCOPPIO
 
 
 
 
 
 
DOMENICA 26/09 - 9.30
MERCATO AGRICOLO

Bancarelle dei prodotti agricoli, di imprese e cooperative che pongono la dignità del lavoro e la qualità dei prodotti come elementi inscindibili della loro attività:
pane, vino, salumi, formaggi, dolci e molto altro.
 
STAND PROGETTO TOTEM
Laboratorio libero per la produzione di segnalibri “unici” Presentazione iniziative di inclusione sociale nel Vimercatese/ Trezzese’.
 
12.30: PRANZO* (SU PRENOTAZIONE)
 
ATTENZIONE
dove indicato * per l’accesso è richiesto il green-pass.
 
PER PRENOTAZIONI:
https://bit.ly/prenotasalmoni2021

Il menu è a base di prodotti di cooperative e di imprese che coltivano dignità e diritti. Il ristorante è gestito con il supporto dei volontari della Pro Loco di Mezzago e degli studenti del Liceo Porta di Monza.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
***
Organizzato da:
COOP MEZZAGO - COOPERATVA SOCIALE CASTELLO  - MESTIERI LOMBARDIA - COOPERATIVA SOCIALE OPLÀ - COOPERATIVA SOCIALE KOINÈ - COOPERTIVA SOCIALE AERIS - COOPERATIVA SOCIALE SOLARIS - COOPERATIVA SOCIALE POP - NAZCA MONDO ALEGRE - BLOOM Coop. Sociale Il Visconte di Mezzago - PROLOCO MEZZAGO

 

 

Un momento di festa per ripensare, promuovere e rilanciare la cooperazione perché, ritornando alla fatica del salmone, “Quel che è morto non può che seguire la corrente; solo ciò che è vivo può opporsi a essa” (G.K. Chesterton).

 

“La fatica dei salmoni”, un titolo insolito per una festa della Cooperazione ma una chiara metafora della fatica che spesso si accompagna nell’andare contro corrente e nello stesso tempo l’importanza dell’essere tenaci nel perseguire il proprio obiettivo.

La cooperazione è un fenomeno che si è evoluto nel tempo tuttavia le imprese cooperative, per quanto il loro cammino da una visione alternativa ed utopistica dell’800 si sia spostato verso forme di integrazione nel contesto economico capitalistico, restano pur sempre strutture “diverse” di impresa in cui mutualità e attività economica non possono essere disgiunte, pena la perdita di identità.
Ma ora che il secolo degli ideali è finito, sostituito nell’era della globalizzazione, del progresso economico sfrenato, del profitto di breve termine, della finanza creativa, quale è il ruolo della cooperazione?

E i giovani che si ritrovano in una società sempre più individualizzata, in cui alla libertà di autoaffermazione individuale virtualmente illimitata si contrappone invece la realtà e la consapevolezza della difficoltà ad impiegare nel mercato del lavoro il proprio talento e le proprie potenzialità, come vedono la cooperazione? O più correttamente come il mondo della cooperazione dialoga o dovrebbe dialogare con loro?

Si tratta di domande impegnative a cui proveremo a dare delle risposte in queste tre giornate, lo faremo con il contributo di cooperatori e cooperatrici, ricercatori e con la presenza di alcune esperienze significative di come il mondo cooperativo stia evolvendo in questi ultimi anni.

Dalla classica cooperativa di consumo all’emporio di comunità, alla cooperativa di cittadini coltivatori, all’abitare sociale, alle cooperative di lavoratori, alle cooperative sociali e di comunità.

 
 

 

 

 

Per informazioni: info@lafaticadeisalmoni.it - 335.1838444