LE VERITA'.png

Le Verità, Kore'eda Hirokazu

di Kore'eda Hirokazu, Francia 2019, 107′, con Catherine Deneuve, Juliette Binoche, Ethan Hawke, Clémentine Grenier, Manon Clavel.

locandina-verita.jpg

Diva del cinema francese, Fabienne Daugeville pubblica un libro di memorie e per l'occasione riceve la visita della figlia Lumir, sceneggiatrice che vive a New York con il marito Hank e la piccola Charlotte. Nella villa parigina di Fabienne, le due donne si sforzano di entrare in contatto l'una con l'altra e di fare i conti con il passato, impresa resa tanto più ardua dalla presenza delle famiglie e del maggiordomo Luc, stufo di essere dato per scontato. Fabienne è anche impegnata sul set, recitando in un film che confonde ulteriormente i confini del ruolo materno e di quello filiale.

Premi

Film di apertura della Mostra del Cinema di Venezia 2019.

Giovedì 24 ottobre 2019 ore 20:30
Versione originale sottotitolata
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Venerdì 25 ottobre 2019 ore 20:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Sabato 26 ottobre 2019 ore 20:00
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Domenica 27 ottobre 2019 ore 20:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Martedì 29 ottobre 2019 ore 21:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Mercoledì 30 ottobre 2019 ore 21:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65

Recensioni

Mymovies.it - Kore-eda, nel suo secondo debutto stavolta in territorio straniero, con la curiosità meticolosa dell'outsider esplora ogni angolo di una casa bellissima, "anche se c'è una prigione proprio qui dietro". E in una prigione della parola deve sentirsi Lumir, figliol prodiga che da bambina voleva fare l'attrice, ma che da adulta è diventata sceneggiatrice, nel tentativo forse di dare un senso alla voce di una madre che spesso di fronte alla realtà sceglie di far vincere la leggenda. Per essere l'opera di un regista che gira in una lingua non sua, Le Verità stupisce per la perfetta sinfonia di ambiguità e allusioni dei suoi dialoghi, giocati su un corto circuito costante di età, ruoli familiari, ricordi e riflessi di sé.

 

FilmTv - Per Kore-eda un vezzo non è mai soltanto un vezzo. Un’immagine non è mai soltanto quella immagine. E un gesto, anche il più semplice, o uno sguardo, anche il più prevedibile, comportano sempre qualcosa che il ricordare, l’accettare e l’elaborare credono improbabile. Eppure è lì, nell’inaffrontabile resistenza della vita a essere sempre già data (cioè determinata, conclusa, certa), che Kore-eda trova la forza per un film sincero e spiazzante. Che, tra le altre cose, dimostra quale sia la strada giusta, irta ma non impossibile, per scrivere una sceneggiatura ricca e imprevedibile. Perfetta, direi.

 

Quinlan.it - Il “viaggio all’estero” di Kore-eda si prende la libertà di dissezionare oggetti famigliari ed esotici con lo sguardo di chi li conosce bene e al tempo stesso non ne è coinvolto fino in fondo, di trattare il cinema d’autore europeo (da Buñuel a Bergman, da Almodóvar ad Assayas, solo per citare i riferimenti più evidenti) con giocoso divertimento. Questa libertà leggiadra conduce Kore-eda a un film più intelligente che appassionante, più ironico che coinvolgente, ben incastonato nella carriera del regista che non rinuncia alla sua sensibilità ma la traduce e adatta per percorrere un territorio straniero. Che non è solo la Francia (o l’Europa) quanto la possibilità di lavorare con celebrati attori, un fattore mutageno che ineluttabilmente condiziona la verità costruita da un film.

 

Cineforum.it - Ogni relazione raccontata nel film – fra madre e figlia, nonna e nipote, moglie e marito, suocera e genero, attrice e rivale – è ripetuta in modo sbilenco (nell’autobiografia piena di bugie di Fabienne, nei dialoghi che Lumir scrive per la madre per aiutarla a chiedere scusa al suo assistente), ripreso e ribaltato (il gioco delle età che si invertono fra madre e figlia), scritto e poi improvvisato, improvvisato e poi trasformato nella battuta di un copione… La verità, insomma, per Kore-eda è un dubbio ripetuto così tante volte da essere diventato vero; o forse l'opposto, un fatto realmente accaduto che nel ricordo ha assunto i contorni di una fantasia. Chissà.

Futuro random

HISS.jpg
72297191_10157060868762639_4749479306701307904_n.jpg
74315954_10157129197322639_9007269095204192256_n.jpg
2411.JPG