WELCOME.png

Welcome Venice, Andrea Segre

di Andrea Segre, Italia 2021, 100′, con con Paolo Pierobon, Andrea Pennacchi, Roberto Citran, Ottavia Piccolo, Anna Bellato.

welcome locandina.jpg

Venezia, isola della Giudecca. Le famiglie di tre fratelli - Alvise (Andrea Pennacchi), Piero (Paolo Pierobon) e Toni (Roberto Citran) - si riuniscono a tavola nella casa dove sono nati. Dove ormai abita solo Piero, ma a cui Toni le è molto legato perché da lì insieme si muovono con un paio di amici per praticare la pesca di moeche, ovvero i granchi di laguna. A seguito di un incidente improvviso, l'abitazione di famiglia assume un valore ancora più cruciale e mette Alvise - che vorrebbe ristrutturarla e metterla a rendita come "dimora di charme" per turisti stranieri - contro Piero, ostinatamente contrario a trasferirsi sulla terraferma.

 

Prenota qui il tuo posto.

 

 

Premi

Presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, Giornate degli Autori.

Venerdì 11 marzo 2022 ore 20:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Martedì 15 marzo 2022 ore 18:00

Recensioni

Mymovies.it - Dopo Molecole, girato nella città silenziosa, svuotata dalla pandemia, Segre torna a ragionare, usando la chiave del conflitto fraterno, sulla trasformazione della città svuotata, dello smarrimento dei pochi abitanti rimasti. Nel tentativo di catturare le tracce e i fili della sua cultura più autentica, di difenderne la bellezza fragile, nascosta ai più, e registrare l'affermarsi di una mentalità sempre più predatoria e di un turismo invasivo, disinteressato, epidermico.

 

Quinlan.it - Tradizione e progresso. In uno dei contesti italiani ormai storicamente più commercializzati a uso e consumo dei turisti stranieri e non – la bellezza vetusta e decadente della città di Venezia, Andrea Segre colloca una riflessione sul conflitto tra due idee di esistenza, di lavoro, di profitto e di benessere. Da un lato, la Venezia antica, identificata nel quartiere Giudecca, ancora dedita alla pesca in laguna: dall’altro, la Venezia che pensa solo ai “sghei”, a spennare fino nel midollo orde di turisti ammaliati da un Made in Italy sempre più proiettato a meticciarsi con l’hi-tech digitale. In mezzo, la pandemia. Al momento Welcome Venice, presentato nell’ambito delle Giornate degli Autori all’ultima Mostra, è uno dei pochi film italiani che tenta di riflettere sul qui-ed-ora (o al massimo l’altroieri) dell’epoca Covid che ha stravolto le nostre abitudini quotidiane e, anche e soprattutto, aspettative e modelli economici.

 

FilmTv - Andrea Segre, lo sguardo attento ai contrasti esistenziali, segue i percorsi paralleli del pescatore e dell’uomo d’affari, che vuole una Venezia consumata per quel che è, un parco a tema. La casa di famiglia dovrà mutarsi in un asettico B&B. Pietro, però, non cede, neppure di fronte alle suppliche dei parenti impoveriti, e dimostra l’antitesi ai paninari veneziani friggendo sul terrazzo i granchi vivi infarinati, le zampette frementi, alla stregua del Pescatore verde di Pinocchio. La tensione sale, la scelta è tra passato e futuro. Ma il film scarta, va oltre, allude a un’altra Venezia, liberata da un destino segnato. La sua bellezza si impone nelle vedute liquide e sognanti, e sembra irridere turisti e pescatori.

Futuro random

277766007_5228222563906783_2735879333923419755_n.jpg
278461840_5091953060884543_2797206848030933521_n.jpg
278038728_5244223705640002_1870092640404425501_n.jpg
274167358_5107712209291153_1425945969132463480_n.jpg