QUEL GIORNO TU SARAI.png

Quel Giorno Tu sarai, Kata Wéber, Kornél Mundruczó

di Kata Wéber, Kornél Mundruczó, Germania, Ungheria 2021, 97′, con Annamária Láng, Goya Rego, Lili Monori, Padmé Hamdemir

quel-giorno-tu-sarai.jpeg

Quel giorno tu sarai, film diretto da Kornél Mundruczó, ripercorre le vicende vissute da tre generazioni appartenenti a una famiglia ebrea, a partire dalla fine della Seconda Guerra Mondiale fino alla Berlino di oggi. Si parte dalla tragica nascita di Éva all’interno di un campo di concentramento, per poi attraversare i decenni e giungere fino al nipote Jonas, che oggi conduce la sua esistenza proprio a Berlino, un tempo sinonimo di “inferno” per gli ebrei, in tutta tranquillità all’interno di una società multietnica.

 

Prenota qui il tuo posto.

 

 

Premi

Presentato al FESTIVAL DI CANNES 2021-CANNES PREMIERE e al TRIESTE FILM FESTIVAL - FILM D'APERTURA.

Domenica 13 febbraio 2022 ore 18:00
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Martedì 15 febbraio 2022 ore 21:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Mercoledì 16 febbraio 2022 ore 18:00
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Giovedì 17 febbraio 2022 ore 18:00
versione originale (polacco, tedesco, ungherese)sottotitolata
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Mercoledì 23 febbraio 2022 ore 21:30

Recensioni

Sentieri Selvaggi - il regista realizza un’opera tratta da un’esperienza teatrale, trasponendo sul grande schermo le vicende personali della madre ungherese di Kata Wéber, sceneggiatrice del film. I piani sequenza si susseguono con grazia e decisione, perché la storia, quella collettiva, non conosce tagli e deformazioni, se non quelle inferte dalla nostra limitata memoria e compromessa conoscenza della vita. L’autore abbatte i muri, come quelli dell’appartamento di Lena che all’improvviso è invaso dall’acqua violentemente sopraggiunta dalle tubature e che hanno fatto saltare le difese interne, hanno scardinato l’indifferenza del presente. Appunto, l’indifferenza dilaga, è praticamente ormai oggi pubblicizzata e la virtù è ancor di più derisa. E intanto, quel giorno tu sarai (in) un “inferno multietnico”.

 

Cineforum.it - Con una spiccata consapevolezza del contemporaneo, Quel giorno tu sarai ricompone così il proprio mosaico frammentario cercando tra le pieghe del presente una risposta ai traumi ancora vivi del passato, con uno sguardo registico che è in grado di prendere coscienza degli orrori della Storia, di affermare la necessità imperativa della memoria e allo stesso tempo di spingersi verso una direzione che prevede l’emergere di nuove identità condivise, contro ogni separazione e ingiustizia sociale.

 

Quinlan.it - Ecco dunque che la tripartizione oltre a ragionare sul tempo (dapprima il 1945, quindi la contemporaneità – ma nel secondo segmento tutta tesa a ragionare sui decenni precedenti) si trova a ragionare sullo spazio, e sulle nazioni. Perché Quel giorno tu sarai parla di identità, quell’identità dapprima vietata e martoriata, quella dell’ebraismo, ma anche l’identità come senso di appartenenza a un consesso umano. Non è casuale che la madre di Éva, che la partorì nel campo di sterminio, avesse cinque documenti di identità, chissà quali veri e quali falsi. E non è casuale che ognuno dei tre personaggi abbia un rapporto completamente diverso con l’ebraismo, e il suo significato.

Futuro random

sito domenica.png
294740123_5536770876385282_789387724858428182_n.jpg
295111020_5545181875544182_3038861721217521633_n.jpg
copertina evento fb VV BLOOM.png