TIEPIDE ACQUE.png

Tiepide Acque di Primavera, Xiaogang Gu

di Xiaogang Gu, Cina 2019, 149′, con Zhenyang Dong, Hongjun Du, Wei Mu, Luqi Peng, Youfa Qian, Zhangjian Sun.

tiepide loc.jpg

La famiglia Yu si riunisce per il compleanno dell'anziana madre di quattro fratelli: il primo di questi è il proprietario del ristorante in cui si tiene la festa; il secondo è un pescatore in difficoltà economica; il terzo è un truffatore pesantemente indebitato e con un figlio portatore di handicap; il quarto ha l'animo semplice di un bambino.

La donna viene colpita da un ictus, inizio del suo declino verso la demenza. Chi si prenderà cura di lei? I quattro fratelli affrontano cambiamenti cruciali nelle loro relazioni, mentre affrontano i propri problemi familiari. Il destino della famiglia, ritmato dal corso della natura, dal ciclo delle stagioni, dalla vita di un fiume.

 

Prenota qui il tuo posto

 

Premi

Presentato alla Semaine de la Critique a Cannes 2019

Venerdì 28 gennaio 2022 ore 20:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Sabato 29 gennaio 2022 ore 19:00
Versione originale cinese con sottotitoli
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Domenica 30 gennaio 2022 ore 20:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Martedì 1 febbraio 2022 ore 21:00
Mercoledì 2 febbraio 2022 ore 18:00
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65
Giovedì 3 febbraio 2022 ore 17:30
€6,00 Intero / €4,00 Ridotto under 26 e over 65

Recensioni

Internazionale - Tiepide acque di primavera, scoperto a Cannes nel 2019 come film di chiusura della semaine de la critique, è stato designato dai Cahiers du Cinéma come migliore opera prima del 2020 classificandosi al settimo posto della classifica generale. Si tratta del primo capitolo di una trilogia che, narrando una saga familiare, dà luogo a un potente e trascinante affresco sia intimo sia collettivo di un preciso momento storico – quello delle Olimpiadi del 2008 che provocarono uno shock a Fuyang, la città dove è nato il regista – raccontato con finezza e maestria mediante una moltitudine di personaggi dove i confini tra romanzo e autobiografia, o biografia familiare, si annullano. Perché non è un’autobiografia propriamente detta, ma nemmeno un romanzo di pura invenzione. Piuttosto una finzione in cui entrano sia elementi autobiografici sia d’invenzione, fusi con storie reali di altre persone.

 

Quinlan.it - Come Mizoguchi, Gu Xiaogang possiede un forte senso classicista e costruisce il film sul dipinto “Abitare nelle montagne di Fuchun” (富春山居圖), un caposaldo della pittura cinese, opera di Huang Gongwang realizzata tra il 1348 e il 1350. L’opera rappresenta il paesaggio fluviale e montuoso corrispondente ai luoghi del film, ed è un tradizionale dipinto su rotolo. Si può quindi fruire con il movimento dello sguardo in orizzontale, mentre i punti focali cambiano, aggiustati al punto di vista dell’osservatore. Un’opera pittorica che contiene quindi le dimensioni del movimento e del tempo, e in qualche modo l’idea di cinema. Ancora come i famosi plan rouleau di Mizoguchi, basati sugli emaki-mono giapponesi, Gu Xiaogang usa spesso lunghissimi piani sequenza fatti di carrellate laterali che ripropongono il senso della visualizzazione dell’arte su rotolo.

 

Sentieri selvaggi - (...) è proprio la pittura che anima ogni inquadratura, anzi sembra il punto di partenza di ogni azione. Il titolo originale infatti è lo stesso di un dipinto di Huang Gongwang realizzato tra il 1348 e il 1350, un rotolo lungo più di sei metri che lo stesso cineasta ha definito “bi-dimensionale”. Da lì parte un film sospeso tra cielo e terra, accompagnato dai ritmi naturali del fiume Fuchun e da quelli innaturali e frenetici di Fuyang, un tempo cittadina tranquilla e poi in piena trasformazione sociale ed economica dopo che è stata incorèporata ad Hangzhou dove si è tenuto il G20 nel 2016. (...) Tiepide acque di primavera è un film leggero e spietato, che mostra tutti i cambiamenti (del paesaggio, della vita personale) riuscendo a contemplarli. Un notevole debutto da parte di un regista che apre lentamente le porte del suo cinema per entrarci dentro e da cui poi non si vuole più uscire.

Futuro random

PHOTO-2022-02-10-16-11-56.jpg
277766007_5228222563906783_2735879333923419755_n.jpg
279246146_499465421627058_566782985831343453_n.jpg
04_LUZI+COSTA-2.png